< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • October 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/10/2005

    Attributi

    Filed under: — JE6 @ 13:13

    C’è, in giro per blog, tutto un fiorire di critiche a giornali e televisioni per non aver detto subito, papale papale, che il Brand Promotion Manager di Fiat Auto era stato trovato non solo drogato all’inverosimile, ma anche in compagnia di uno o più transessuali.
    Critica ineccepibile, alimentata dal sospetto che i mass media tutto vogliano fare tranne che parlar male dei loro grandi investitori pubblicitari.
    Però, mi pare che mille altre volte, nella stessa blogosfera che frequento oggi, si sia mossa ai media di cui sopra una critica del tutto speculare, rimproverando loro di far cronaca puntando su attributi considerati irrilevanti (ai fini della cronaca stessa) come l’essere gay, mussulmani, interisti, lucani (ad libitum, sfumando). Mi devo essere perso qualcosa, suppongo.

    Restare dentro

    Filed under: — JE6 @ 08:08

    Io, onestamente, di droga ne so poco. Molto poco. Nessuna esperienza personale, e vaghissime conoscenze di chi ne facesse uso. Quindi, scrivo per sentito dire.
    Fatta questa premessa, ho la sensazione che la droga dell’adolescenza della mia generazione, l’eroina, fosse una droga di fuga, un mezzo per scappare da un mondo brutto, sporco e cattivo (entrando, paradossalmente, in un mondo persino peggiore – ma di questo ce ne si rendeva conto solo dopo); mentre la droga dei miei e nostri (quasi) quarant’anni, la cocaina, sembra essere un mezzo per restare nel mondo, per “essere sul pezzo”, per non perdere colpi, per continuare almeno alla stessa velocità di quel “tutto intorno a me” che sembra non incepparsi mai. E se questo fosse vero, ci sarebbe da preoccuparsi, parecchio.