< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • December 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/12/2005

    Morto un Papa

    Filed under: — JE6 @ 16:04

    Non li ho mai votati, e dubito che mai lo farò (almeno fino a quando non saranno depannellizzati e decapezzonizzati), ma nutro una certa temperata ammirazione per i Radicali. Gli riconosco quindi il merito di aver tentato di infilare nella cosiddetta agenda politica anche il tema delle carceri e delle loro condizioni.
    Ciò nonostante, non penso sia negabile il fatto che di amnistia si è ripreso a parlare con un minimo di frequenza e di intensità solo dopo che Giovanni Paolo II, più di tre anni fa, ne fece esplicita richiesta di fronte al Parlamento riunito in seduta comune.
    Siccome, per tanti motivi (alcuni validi, altri meno), è più facile ignorare Pannella-Capezzone-Bonino piuttosto che il Papa, alle richieste di quest’ultimo i partiti italiani diedero apparentemente grande attenzione e si produssero in dichiarazioni di intenti che sarebbe fin troppo facile, oggi, sbertucciare à-la-Travaglio. Gli è che i politici italiani, e gli ex democristiani su tutti, sono mostruosamente abili nel far passare il tempo e far cadere nel dimenticatoio qualunque questione di qualunque importanza, se questa non è di stringente interesse per i propri elettori: Papa o non Papa. Perchè la realtà è questa: di amnistie e indulti, gli italiani non ne vogliono sentir parlare; sono contrari, detto con altre parole, in larga maggioranza. E se non lo sono, non gliene frega nulla. E allora, muro di gomma. Tanto, morto un Papa se ne fa un altro – che muore pure lui, no?
    (“Casini l’ha fatto apposta, è stata ignobile la convocazione il 27, io sono rimasta con mia figlia che è venuta da Praga dove fa l’Erasmus” – Katia Bellillo, su Repubblica hard-copy di oggi)

    3 Responses to “Morto un Papa”

    1. jaro Says:

      Di solito mi ritrovo nella minoranza (anzi, con Moretti: in una minoranza della minoranza…). Ma stavolta, se è vero quel che dici, mi ritrovo coi più: anch’io sono contrario ad amnistie e indulti…

      (…come a tutti i derivati del perdonismo cattolico, dai condoni allo scudo fiscale)

    2. Squonk Says:

      Nel caso specifico, non credo che parlare di amnistia e/o di indulto sia un cedere al perdonismo cattolico (il quale, peraltro, non è mica basato sull’eliminazione della pena – ma questo è un altro discorso): far vivere sei persone in diciotto metri quadrati non ha nulla a che fare con l’amministrazione della giustizia, per dire.

    3. Attentialcane Says:

      la frase sui democristiani cincischioni – lei lo sa – non mi può lasciare indifferente.

    Leave a Reply