< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • January 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/01/2006

    Furibonda tranquillità

    Filed under: — JE6 @ 17:11

    Credo che qualunque abitante di una metropoli abbia desiderato, almeno una volta nella sua vita, di trasformarsi nel Michael Douglas di Un giorno di ordinaria follia. Camicia immacolata, nodo della cravatta ben stretto, piega perfetta dei pantaloni. E un mitra in mano, per sfogare l’urlo che Munch faceva tirare fuori alle sue sgraziate figure, e che noi, invece, reprimiamo con bello stile.
    Ecco, questa mattina, quando ho dovuto rinunciare a prendere la macchina dopo una vana attesa di quaranta minuti al freddo del gennaio milanese, perchè un cretino di proporzioni bibliche mi aveva irrimediabilmente bloccato parcheggiando la sua macchina appena fuori dal mio box e andandosene poi chissà dove (spero dove l’ho mandato io, ma dubito), indossavo la mise perfetta: un Michael Douglas invernale, un filo più casual. Come al solito, mi mancava il mitra; ma verrà il giorno, oh se verrà.

    Il titolo del post è un omaggio a una gentile lettrice. Spero che apprezzi.

    2 Responses to “Furibonda tranquillità”

    1. vic Says:

      Ehi, ma qua c’è più sincronicità di quanta ne abbia potuta incontrare Sting in tutta la sua vita!
      Poche ore fa arrivo a uscire dal cancello e trovo trenta centimetri di coda di una macchina che mi impediscono il passaggio (il resto della macchina bloccava il passo carrabile adiacente, per giunta). Ero già in ritardo per un appuntamento. Inutile clacsonamento, poi con la forza della disperazione sono riuscito a passare nel varco residuo, strofinando la mia fiancata contro il pilastro.
      Ho preferito tardare altri cinque minuti per lasciare un biglietto contenente prosa adeguata sul parabrezza del tipo/tipa.

    2. ilaLuna84 Says:

      Ti capisco! Anch’io, ogni tanto, vorrei essere un po’ Michela Douglas…

    Leave a Reply