< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • January 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/01/2006

    In campagna

    Filed under: — JE6 @ 09:27

    Questa mattina non ho comprato quotidiani. Ma mi fido di Oscar Giannino, che a Prima Pagina riferisce, con tono a dir poco ironico, che il Corriere della Sera di oggi dedica le prime dodici pagine alla vicenda Unipol-DS. Ora, dodici pagine il Corriere le ha dedicate forse alle Twin Towers e allo tsunami; e ieri, la vicenda in questione si è solamente arricchita di un altro capo di imputazione in testa a Consorte e di una dichiarazione quanto mai prevedibile del PresDelCons.
    Insomma, il Corriere ci va giù pesante. Più di quello che ci si attenderebbe da un giornale, seppure nell’esercizio del suo diritto di presa di posizione su una questione di interesse pubblico. Paolo Mieli vuole diventare il capo di quel laocoontico agglomerato chiamato centrosinistra? Non credo; ma forse ne vuole diventare il deus ex machina, o quantomeno colui che ne detta la linea – spazzando via dalla scena i concorrenti che più gli danno fastidio o con i quali ha dei conti aperti.
    Il Corriere sta facendo campagna elettorale, e fin qui, niente da dire; ma a me sembra che la stia facendo per se stesso, e questo mi piace un po’ meno: quando leggo un giornale, vorrei evitare di impegnarmi nella dietrologia, anche se questa è sport nazionale.
    Prima Pagina, Corriere della sera

    4 Responses to “In campagna”

    1. lester Says:

      Lei è uno dei primi, forse non ad accorgersene, ma a dirlo esplicitamente.

    2. Reporters Says:

      Giornali e politica

      Secondo Squonk le 12 pagine che il Corriere della Sera dedica alla vicenda Ds – Unipol e dintorni sono eccessive, vista anche la carenza di notizie di attualità (solo una correzione non essenziale: il giorno delle Twin Towers ne fece

    3. apelle Says:

      E’ una guerra di quartierino.

    4. stamparassegnata Says:

      mieli fa politica da quando è tornato alla direzione del corsera. Il suo progetto è del tutto lucido e chiaro: lanciare il partito democratico, indebolendo il più possibile i ds, primi tra tutti d’alema e fassino. Che usi il giornale per interferire nella politica, non è per nulla bello e forse neanche legittimo. Lo fa non per sete di potere, ma per il piacere puro e delizioso di usarlo fino in fondo, il potere. Niente gli dà più piacere di un rimescolamento degli equilibri provocato da un articolo del suo giornale. Qualcuno, per esempio i lettori, dovrebbero fermarlo.

    Leave a Reply