< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • April 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/04/2007

    Greetings from Madrid ‘07 – 3. Uniformi

    Filed under: — JE6 @ 22:49

    Lascio il Bernabeu, e mi incammino lungo il Paseo de la Castellana andando verso Plaza Castilla, quella dei due grattacieli inclinati come due torri di Pisa messe una di fronte all’altra. In uno dei piccoli parchi giochi che stanno tra un senso di marcia e l’altro, su una giostra girano vorticosamente quattro bambine, che avranno circa cinque anni. Vestono un’uniforme, credo del loro asilo, una camicetta bianca e una specie di salopette a quadretti scozzesi. Mi viene in mente che un paio di giorni fa la persona corta chiedeva a me e mia moglie di raccontarle di quando andavamo all’asilo, ed entrambi ci siamo ricordati che portavamo il grembiule – io nero e lei bianco. Probabilmente quelle quattro persone corte frequentano una scuola materna di extralusso, e questa è la ragione dell’uniforme. Ma in qualunque caso, essa impedisce – almeno per qualche ora al giorno, e a quanto pare anche fuori dalle mura della scuola – la gara al vestito più costoso, scomodo e stronzo: con quella divisa addosso, le quattro bambine sembrano esattamente quelle che sono: bambine, appunto.

    Leave a Reply