< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/01/2008

    Come una pace dei sensi

    Filed under: — JE6 @ 08:33

    Forse per la prima volta da quando ho la possibilità di votare, l’idea di “perdere” – alla quale mi sono abituato per esperienza – mi lascia piuttosto indifferente.

    8 Responses to “Come una pace dei sensi”

    1. Bucky B Katt Says:

      Si tratta di una fine annunciata che prende le mosse da una legge elettorale appositamente pensata per depredare gli italiani da una chiara volontà di voto. Purtroppo non c’erano alternative. Bisognava governare con la coalizione (ampia, raffazzonata e assolutamente disomogenea) che c’era. Non mi sembra una sconfitta, ma l’esito naturale di un percorso già scritto da altri in maniera dolosa.
      Il problema è che l’informazione ufficiale queste informazioni non le veicola e la “controinformazione” di una volta non esiste più.

    2. Squonk Says:

      Ma quello è solo un pezzetto del problema. Mastella è Mastella, quale che sia la legge elettorale. Diliberto idem. Pecoraro Scanio pure. Giordano anche. La Binetti. Boselli. E un buon pezzo del PD. La legge, poi, ci mette del suo.

    3. stark Says:

      Indifferente? Non diciamo spropositi, su, provi anche solo un attimo a pensare, veder ancora Berldsdsdm, Berssdls, Brulscnzx, quel nome lì, manco riesco a scriverlo più, mi treman le dita.

    4. cybbolo Says:

      Benvenuto nel club dei disillusi cronici…;-))

    5. cybbolo Says:

      Abbiamo spalle forti e larghe per sopportare dieci anni almeno di potere del nano Gongolo?

    6. gluca Says:

      anche io per la prima volta potrei disertare le urne. saranno i 40.

    7. red-made Says:

      c’è qualcuno che alla fine si potrà chiamare vincente?

      red

    8. Bucky B Katt Says:

      Intendevo solo dire che la legge ha generato la coalizione-mostro che ha costretto a scendere a patti con parti talmente lontane tra loro da risultare inconciliabili. Per il resto aggiungerei anche la sciagurata creazione del PD come evento scatenante della crisi (vd. l’illuminato commento di Mussi).

    Leave a Reply