< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • July 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/07/2008

    Le forme dell’amore

    Filed under: — JE6 @ 09:46

    So che arrivo buon ultimo, al termine di qualche migliaio di anni di storia e di letteratura al riguardo. Pensavo questa notte, guardando la puntata dei Soprano nella quale AJ prova a suicidarsi, la puntata nella quale Tony dice a Carmela che si sente nuovamente depresso e lei gli risponde dura ma non doma “Hai giocato con la depressione fino a diventare depresso veramente, e hai coinvolto tuo figlio”, la puntata che si chiude in una corsia di ospedale con Tony che mette una mano sulla spalla di AJ e quel che si vede sono due persone senza speranza a dispetto di quel che hanno e potrebbero avere dalla vita, pensavo che tanto spesso essere padri ed essere figli si rivela la cosa più difficile del mondo, ognuna a modo suo, e dev’essere per quello che capita di pensare al padre (o al figlio) e sentirsi senza parole, semplicemente sull’orlo del baratro, con la sensazione che le cataratte siano pronte ad aprirsi e allora a quel punto hai bisogno di spegnere il cervello – o la televisione – sapendo che non potresti resistere, hai bisogno che qualcuno cambi discorso, hai bisogno di un break qualsiasi anche se sai bene che dopo qualche ora di sonno tuo padre o tuo figlio saranno ancora al loro posto, purtroppo e per fortuna. E pensavo che in quella frase di Carmela Soprano c’è tutta la millenaria saggezza e forza delle donne, quella che noi maschi non abbiamo e possiamo solo provare a sfruttare: e se a volte riusciamo a non andare del tutto in pezzi, questo succede non per merito nostro, ma solo per riconoscenza nei confronti delle donne che ci stanno a fianco, per pagare un debito. Suona poco romantico, ma è amore anche questo.