< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • November 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/11/2008

    Una riga di gesso

    Filed under: — JE6 @ 13:24

    Nel 1979 ero, in fondo, troppo piccolo per capire la portata epocale di una tournee musicale. Per me, De Andrè + PFM è sempre stato il violino di Zirichiltaggia, e comunque una manciata di canzoni belle, che non mi sono ancora stancato di riascoltare, di tanto in tanto. Però sabato ho comprato questo libro, ed ho capito un po’ di più, e ho quasi provato nostalgia per un tempo che ho necessariamente vissuto a metà.
    IBS

    4 Responses to “Una riga di gesso”

    1. Auro Says:

      oh, lo hai comprato. oh.

    2. nessuno Says:

      Anche io ho lo stesso strano rimpianto per un’epoca che non è stata la mia ma di cui ne ho solo annusato l’odore. Qualche anno fa mi è capitato di sentire la PFM dal vivo in un concerto che riproponeva il primo LP tratto da quella tourné: stessi identici arrangiamenti. Dopo tanti anni passati a sentire certe canzoni suonate in tante versioni, ascoltare da un palco l’attacco di Bocca di Rosa che era proprio quell’attacco di Bocca di Rosa, né più né meno, ti assicuro che è stato emozionante. Da piangere di commozione. Poi la voce di Di Cioccio, cantava lui, ti riportava con i piedi per terra e la musica tornava ad essere l’ennesima versione. Dopo la prima strofa però c’è la marcetta ancora una volta e ancora una volta l’emozione.
      Grandi.

    3. Sir Squonk Says:

      Auro, cara, vuole farci un giro?
      Nessuno: li ho sentiti diverse volte, e quello della voce di Di Cioccio non è mai stato un problema, perchè non ha mai voluto imitare De Andrè. E’ sempre stato un ricordo e un omaggio. Peraltro, dopo aver letto il libro, mi spingo a dire che – anche senza volerlo fare – la Premiata omaggia anche se stessa, perchè la gran parte di quelle canzoni sono al 50% loro, tale è stata la forza e la profondità dell’intervento che hanno fatto.

    4. laflauta Says:

      eh si.
      ce ne fosse, di musica così, ora.

    Leave a Reply