< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • June 2011
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/06/2011

    Gruesse aus Muenchen 2011 – Altre bellezze

    Filed under: — JE6 @ 18:27

    Mentre sono di fronte alla macchina dei biglietti della rete ferroviaria di Monaco, in questo aeroporto enorme e silenzioso dove Lufthansa offre il caffè ai suoi passeggeri – quelli che aspettano di partire e quelli che arrivano -, la macchina che mi permette di fare un biglietto seguendo istruzioni date in una mezza dozzina di lingue, la macchina che poi mi stampa (in italiano) il percorso con tanto di numero di binario di partenza e di arrivo del primo e del secondo treno, in quel preciso momento mi trovo per l’ennesima volta a pensare che qui avranno un po’ di bellezze storiche in meno rispetto a noi che stiamo a sud delle Alpi, ma si sono costruiti con una determinazione tanto feroce da sembrare del tutto naturale una forma di bellezza della vita parallela, fatta di marciapiedi larghi e lettere che arrivano in due giorni e display sugli autobus che collegano l’hinterland e boschi dentro la cintura urbana, una forma di bellezza che consiste, verrebbe da dire banalmente se mai in tutto questo fosse rintracciabile una qualsiasi banalità, nel non rendersi la vita più faticosa e complicata e difficile di quanto già non sia di suo. Poi, niente e nessuno è perfetto, e infatti l’autobus che arriva a Grasbrunn accumula novanta secondi di ritardo in nove fermate, e non hanno idea né dell’origine né di come neutralizzare il batterio killer che ha ammazzato una ventina di persone su a nord; e però – sarà che l’erba del vicino è sempre più verde – a me rimane questa sensazione di un posto dove non devi sprecare tanto tempo e altrettante energie per sopravvivere a un insensato percorso a ostacoli buono solo a farci dire, una volta arrivati a casa e opportunamente sdivanati, madonna che stanchezza.