< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • June 2011
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/06/2011

    Two Hearts

    Filed under: — JE6 @ 08:52

    Le compagnie, i gruppi – quelli che funzionano, quelli che tengono – sono così: ognuno è bravo a fare qualcosa, ognuno fa da contorno agli altri. C’è il più forte a calcio, quello più svelto di tutti a far di conto, quello che con la chitarra in mano sa suonare qualsiasi cosa, quello che sa costruire un muro e coltivare un orto, quello che viaggia e ha sempre un racconto pronto, quello che sa far ridere, quello che parla poco ma se dice “ehi ragazzi” tutti si fermano e fanno silenzio. C’è un assolo per ciascuno, e ci sono quei momenti nei quali tutti sentono di essere parte di qualcosa di più grande, quei momenti senza io, e con solo noi.
    A volte succede che qualcuno lascia, e non per sua scelta: un incidente, una malattia. Tutti dicono che la vita va avanti, ed è vero, ma non continua come prima. Certe cose non le fai più, o non sono più le stesse – la partita di calcio su un pezzo di asfalto in un sabato pomeriggio di aprile, i racconti di ufficio dopo la terza birra del venerdì sera: nessuno è indispensabile ma tutti vogliono evitare di ripassare su quella strada di montagna dove l’amore del tempo aveva il sole in faccia e sembrava la persona più bella del mondo. Se puoi, certe cose le smetti, anche se potresti farle ancora: un altro che suona l’organo, o il sassofono lo sai che lo trovi, ma non sarà mai il tuo amico che non c’è più. Allora fai altro, perché two hearts are better than one, ma a volte i cuori smettono di battere, e non riprendono più.