< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • June 2011
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/06/2011

    Tre ore

    Filed under: — JE6 @ 18:22

    Quando si svegliò aveva la bocca impastata e si sentiva persino più stanco di quando si era addormentato. Guardò l’orologio e quando vide le ore si lasciò andare a un gesto di sconforto da attore shakespeariano. Si alzò. Nel breve tragitto dal letto al bagno pensò alla settimana trascorsa, alle riunioni fatte, ai chilometri percorsi, alle email spedite e ricevute – e riuscì, facendolo, a divagare e pensare a un paio di persone legate a quel cumulo di azioni, a cosa sta dietro un saluto, a cose che scomparvero senza completarsi. Si sciacquò il volto e si spostò, nel silenzio perfetto della casa completamente vuota, fino al divano. Prese il telecomando in mano, si sentì ancora in bocca il sapore di quelle tre ore di sonno inanimato e provò una sensazione strana, un misto di senso di colpa per aver perso del tempo e di rabbia verso un qualcuno che quelle tre ore gliele aveva rubate, poi schiacciò il tasto.