< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • September 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/09/2005

    Improvvise bufere

    Filed under: — JE6 @ 16:24

    Giacomino Leopardi doveva essere un conoscitore della Roma-L’Aquila-Teramo, di sicuro. Un’autostrada costellata di cartelli che informano il conducente della possibilità di attraversamento da parte di animali selvatici e, soprattutto, dell’essere la strada in questione soggetta a “improvvise bufere” non può che portare all’elaborazione della teoria della natura matrigna.

    2 Responses to “Improvvise bufere”

    1. Attentialcane Says:

      percorsa questa estate. è una strada stupenda. naturalmente senza bufere

    2. vic Says:

      Una volta tornavo a Roma dall’Abruzzo, era Pasqua di quelle che cascano tardi. Imbocco una galleria che c’era un bel sole, faceva caldo. All’uscita quasi buio, un muro di neve che cascava fittissima, mezzo metro già accumulato per terra. Macchine e tir di traverso, una bolgia infernale. Io col mio pandino 750 young, forte del fatto che essendo a bordo in quattro aveva una bella aderenza e che conosco quelle poche regolette di guida sulla neve, zigzagando tra gli impantanati sono tornato a rivedere il sole capitolino.

      Improvvise bufere, proprio così 🙂

    Leave a Reply