< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • September 2005
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/09/2005

    Pennello Frassinetti

    Filed under: — JE6 @ 10:43

    C’è qualcosa di più malinconico di un manifesto elettorale che resta ancora attaccato ad un muro, molti mesi dopo lo svolgimento delle elezioni stesse?
    Non so, forse sì. Ma non ce ne devono essere molte.
    Quei volti sono ancora lì a chiederti, mentre tu sei fermo al semaforo, di credere in loro, di andare a scrivere il loro nome sulla scheda piegata come un disegno di Escher. A te fanno tanta malinconia quanta tenerezza, perchè, giorno dopo giorno, vedi il loro viso scolorirsi come le immagini della pubblicità del Pennello Cinghiale, schiaffeggiati dal sole e inumiditi dalla pioggia. Chissà che fine hanno fatto, se sono stati eletti o se invece hanno dovuto rinchiudere il loro sogno in un cassetto. Fino al prossimo turno, quando il manifesto sarà ancora pervicacemente incollato al pilone sotto il cavalcavia delle autostrade di Piazza Kennedy, e allora sembrerà come nuovo.
    Questo post è dedicato al manifesto di Paola Frassinetti, non eletta alla Regione Lombardia nonostante i suoi 4343 voti, al quale mi sto ormai affezionando, nonostante le diverse idee politiche. Forza, Paola, resisti.

    5 Responses to “Pennello Frassinetti”

    1. lester Says:

      Un manifesto vicino a casa mia ha resistito fino all’elezione successiva, col risultato di ricordare a tutti che il galantuomo in questione aveva cambiato non solo partito, ma pure coalizione.

    2. sphera Says:

      Alcuni manifesti avrebbero potuto inciderli su bronzo anni e anni fa.

    3. diderot Says:

      più malinconici sono i banner pro-referendum.

    4. Ja Says:

      Pensi che in alcuni posti ben nascosti d’italia ancora resistono manifesti risalenti agli anni cinquanta.

    5. paola frassinetti Says:

      Grazie per l’incorragiamento….Mi ha portato fortuna!! Un caro saluto Paola Frassinetti

    Leave a Reply