< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • October 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/10/2005

    Greetings from Atlanta – 11. Mike and the chicken wings

    Filed under: — JE6 @ 17:26

    A volte, capita che di un viaggio ti rimangono in testa e nel cuore cose strane, alle quali non avresti pensato. Cinque minuti in una chiesa battista. E una sera passata a bere birra, mangiare chicken wings intinte nel blue cheese e guardare il Monday Night Football insieme a un cinquantenne, nato a New York e trapiantato in Florida, che gira gli Stati Uniti fornendo servizi informatici a medici e strutture ospedaliere. Gli ho spiegato la differenza tra il prosciutto di Parma e quello di San Daniele, lui ha ricambiato spiegandomi quando un pitcher vince una partita, cos’è un ERA (capito al cinquanta per cento), cosa è un RBI (zero per cento) e perchè gli americani amano le statistiche (look, what are stats? Figures, put one against the other, to show which one is the best. This is what Americans love, to be the best – that’s why they love stats). Alla fine ci siamo stretti la mano, e – saranno state le quattro pinte a testa e le curve di Folon, una vera cameriera di Hooters – mi ha detto it’s been a great meal, thank you very much ed io ero così imbarazzato che ho balbettato un ringraziamento incomprensibile. Poi, dentro in metropolitana.

    9 Responses to “Greetings from Atlanta – 11. Mike and the chicken wings”

    1. dado Says:

      cià và te lo spiego io cos’è l’:
      – ERA —-> MEDIA PUNTI CONCESSI DAL LANCIATORE IN 9 INNING (se ne lancia 3 di inning e si fa fare diciamo 1 punto la sua era sarà 3×1=3 se ne lancia 5 e si fa fare 1 punto sarà 1,8; se ne lancia 9 e si fa fare sempre un punto sarà dunque 1[ottima ERA] ; quindi è una media

      – RBI ossia punti battuti a casa—-> tutti i punti che entrano grazie ad una tua valida; per esempio ORTIZ verso fine stagione avevava battuto a casa 150 punti mi pare; quindi è un numero intero.
      diversa invece la media pgl che è quante volte uno fa una valida diviso le volte che va a battere per esempio: uno che batte 0,300 vuold dire che ogni dieci battute 3 volte fa una valida.

      spero sia chiaro e please non fare spoiling sulle partite….

    2. dado Says:

      ma perchè deve approvare i miei commenti (anche i più innocenti)?

    3. Squonk Says:

      Hm, ma ERA non sta per Earned Runs Average? Runs sta per “punti”? E’ questo che mi sfugge.
      Ah, quanto alla necessita’ di approvazione, non e’ una mia scelta, e’ WordPress che fa tutto da solo.

    4. dado Says:

      esatto praticamente sono i punti ( run nel baseball è il giro i tutte le basi vedi home run= fuoricampo; se invece vado solo in prima è un hit = valida) guadagnati sul lanciatore ed è data dalla semplice formula era= 9 x punti concessi diviso inning lanciati).

    5. lester Says:

      Guardi, le trova tutte qui. Ma se è riuscito a seguire il baseball fino a adesso senza conoscerle, ne può fare a meno. Gli americani invece sono fanaticissimi di statistiche, gli sport tipo fantacalcio gli hanno inventati loro.

    6. Effe Says:

      cioé, lei ha cenato in un locale parlando di sport con un altro uomo solo, in un punto piccolissimo dell’universo, manngiado alette di pollo con formaggio blu (blu??) e me lo chiama niente?
      Questa è scena da libro, di uno di quegli autori che piacciono a lei.

    7. Squonk Says:

      Herr, in fondo lei ha ragione. Il vecchio Ray Carver ci avrebbe buttato giu’ una cinquantina di righe, forse.

    8. Gilgamesh Says:

      È una bella scena, ma fa riflettere. M’ha fatto pensare più ad Harold Pinter che a R.C:, in effetti.

      Mike è come tanti americani un nomad worker. Ora ha “solo” cinquant’anni e ancora può reggere questa vita.

      Compreso essere grato per un po’ di calore umano da uno sconosciuto in un KFC, brindando magari con lo Champagne della Georgia (Coca Cola, per chi se lo stesse chiedendo, Atlanta è appunto la capitale mondiale di detto beveraggio).

      E cogliere l’essenza dell’american dream con una sola frase.

      Son davvero convinti che il peggior nemico del Bene è il Meglio.

    9. copiascolla Says:

      Folon mi sembra un nome da cardiotonico. Stia attento alle coronarie, Sir, che c’ha una certa età. ; )*

    Leave a Reply