< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • O. e le sue sorelle
  • 1,47
  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/02/2006

    Vado a vivere in campagna?

    Filed under: — JE6 @ 09:27

    Non mi è infrequente la sensazione che molti articoli di Michele Serra siano appesantiti dalla necessità di fare il sociologo ogni giorno e per venti righe. Ciò nonostante, mi pare che la constatazione dell’incarognimento della vita in provincia, che ancora molti si ostinano a considerare come antidoto allo stress e alla spersonalizzazione della vita cittadina, sia piuttosto condivisibile. Ogni volta che mi stacco da Milano e vado, appunto, in provincia, mi viene da pensare “ecco, qui sì che si vive bene”; ma, come si sa, l’erba del vicino è sempre più verde.
    Repubblica.it

    5 Responses to “Vado a vivere in campagna?”

    1. 003 Says:

      ho vissuto per 27 anni in una cittadina della provincia torinese, abbastanza vicina alla città da permettere un contatto e un confronto cospicuo e continuo, abbastanza distante da diventare un mondo a parte, con le sue regole e le sue sonnolenti abitudini. mi sono trasferita a Torino appena possibile, non solo per essere più vicina al lavoro, ma soprattutto perchè quella realtà mi stava davvero soffocando. non tornerei indietro mai, quando vado a trovare i miei e gli amici di là mezza domenica è sufficiente a riportarmi nel cuore quella lenta e appiccicosa malinconia. per questo, sono sempre diffidente e ironica verso chi, da cittadino doc, afferma con una certezza disarmante di volersi allontanare dalla città, per respirare aria pulita, per togliersi dall’inferno delle metropoli. credetemi, magari può andarvi benissimo. ma magari, invece, potreste scoprire che è una meravigliosa prigione dalle sbarre dorate. e lo dico con tutto l’affetto e con tutta la consapevolezza possibili.

    2. skunk Says:

      Soprattutto poi, bisogna tagliarla…

    3. sphera Says:

      La strada dell’inferno l’ha lastricata il vicino.

    4. farfintadiesseresani Says:

      All’improvviso, chissà perché, ho una strana paura addosso…

    5. Effe Says:

      ora, con qeusta dosa dell’erba, se la sente Fini
      (e poi qui una volta era tutta campagna)

    Leave a Reply