< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • O. e le sue sorelle
  • 1,47
  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/02/2006

    Facciamo 140 e non se ne parli più

    Filed under: — JE6 @ 16:04

    La sensazione è che dalle primarie in poi l’Unione stia perdendo diecimila voti ogni volta che comunica. L’ultimo passaggio è da anni settanta: duecentottattuno pagine di vuota burocrazia spacciata come programma contro 8 punti facili da capire per tutti.. Chi credete che faccia passare il messaggio? Qualcuno può riportare la sinistra nel 2006, per favore?

    Ci sono state molte battute sul fatto che il programma dell’Unione sia composto di 281 pagine. Considerando che il libretto d’istruzioni di un cellulare ha circa la stessa stazza e l’Italia è una cosa lievemente più complessa forse meriterebbe qualche ironia in più il fatto che dall’altra parte si pensa di risolvere tutto con un memo di otto punti. Neanche i giochi che trovi nell’uovo kinder hanno istruzioni così smilze.

    Blog Notes, Paferrobyday

    One Response to “Facciamo 140 e non se ne parli più”

    1. Ja Says:

      al solito la verita’ sta nel mezzo, ma sono stufo di ripetermi. Un programma serio ai giorni nostri e’ fatto di un 30-50 pagine di stampato e di una manciata di fogli riassuntivi su massimo 8-10 punti *strategici* di programma. Un esempio:
      http://www.labour.org.uk/fileadmin/manifesto_13042005_a3/pdf/manifesto.pdf

      In rete si trovano anche quelli di Tories e liberaldemocratici, e anche quelli di CDU/CSU e SPD.
      Ma del resto basta vedere come hanno incominciato la campagna elettorale per capire che, si, potrebbero riuscire nella impresa senza precedenti di perdere elezioni gia’ vinte, o pareggiare (del resto e’ successo nelle ultime due elezioni in germania ai CDU favoritissimi dai sondaggi, figuriamoci qui)

    Leave a Reply