< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • June 2006
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/06/2006

    Un passo, un altro, un altro ancora

    Filed under: — JE6 @ 21:07

    Mi vergogno un po’ – stupidamente, direi – a parlare bene di un giocatore di calcio. E il disincanto dei capelli bianchi mi porta a diffidare quando tutti – tutti – dicono bene di una persona.
    Epperò, io ho sempre avuto un debole per Gianluca Pessotto, e questo articolo di Maurizio Crosetti lo avrei voluto scrivere io. Alzati e cammina, Gianluca.
    Repubblica.it

    One Response to “Un passo, un altro, un altro ancora”

    1. lester Says:

      Certo che è bello. Però, come avevo scritto da me, ho quasi l’impressione che sia scritto in contrapposizione a quegli altri che invece, come se uno fosse più o meno degno di affetto a seconda che legga o no Dostoevskij. Mi era piaciuto di più l’articolo del Corriere. Ma magari è solo una mia impressione.

    Leave a Reply