< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • October 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/10/2007

    Un sobrio invito

    Filed under: — JE6 @ 10:01

    Pur sforzandomi, non credo di conoscere uomini accoppiati a donne che siano in grado di entrare in un mobilificio, guardarsi intorno e dire “Va bene, prendo quel salotto e quella cucina” senza il consenso della donna medesima. Così ieri mi chiedevo a chi si rivolge la pubblicità della Euroarredamenti di Pomezia (una bella ragazzona discinta e il claim “Entra… e fattela”) – senza, ovviamente, riuscire a darmi una risposta.

    4 Responses to “Un sobrio invito”

    1. cristina Says:

      anche perché immagino che quelli di cui sopra al massimo possano dire “va bene PRENDIAMO questo salotto e quella cucina”

    2. Skizo Says:

      Quando l’ho vista, ho pensato la stessa cosa.
      Poi ho deciso che nessuno batterà mai gli spot di Mondo Convenienza e le sua coriste.

    3. caporale Says:

      secondo me si rivolgono ai possessori di pied-a-terre desiderosi di arredare il loro localino. un segmento di mercato poco apparente, saldamente ancorato ai miti di una virilità d’antan, da raggiungere con un marketing mirato.

      se è così, “entra e fattela”, per quel che ne capisco, mi pare discreto.

    4. EmmeBi Says:

      Ti consiglio di prendere in considerazione anche i single o, meglio ancora, i neo-divorziati.

    Leave a Reply