< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • June 2011
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/06/2011

    Miraggi

    Filed under: — JE6 @ 15:59

    Ci sono giornate tipo oggi, con questa cappa di umido che ti incolla la camicia addosso, che sei lì che cammini su un marciapiede di corso Buenos Aires o in un parcheggio di via Ripamonti e hai come un miraggio, anzi ne hai diversi, uno di quando hai visto un ragazzo uscire seminudo e con una chitarra in mano dalle acque del Mare del Nord a John o’ Groats e gli hai chiesto chi era e cosa faceva e lui ha risposto che veniva dalla Puglia e suonava alle foche, uno di quando stavi su quel ponte sopra il Canale di Caledonia a Inverness, il ponte era fatto di legno e vibrava come un diapason mentre tu guardavi verso la foce e respiravi l’aria fredda come la luce delle sette di sera, uno di quando ti sei seduto sui sassi della spiaggia di Kyleakin fino a quando ha fatto buio e si vedevano solo le finestre dell’ostello e la vetrata illuminata del pub, ci sono giornate tipo oggi che pensi che l’estate non sarebbe mica una brutta stagione, se solo il termometro rimanesse fisso sui quindici gradi e si potesse respirare l’aria gelida del nord.

    Leave a Reply