< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • October 2011
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/10/2011

    (Pro)fumo

    Filed under: — JE6 @ 17:34

    Non fumo. Penso di aver acceso, in tutta la vita, non più di un paio di dozzine di sigarette, la gran parte delle quali scroccate per noja ai compagni del Secondo Squadrone Carri del Savoia Cavalleria. Nessuna particolare riflessione salutista, nessun problema di spesa: è che non mi piace, tutto qui. Eppure, di tanto in tanto, mi capita di sentire il profumo che viene dall’accensione di una sigaretta di qualcuno nelle vicinanze, proprio i primi due tiri, e mi pare buonissimo, come quello del pane appena sfornato – l’altra sera ero appena sceso dal treno e un signore aveva appena acceso quel piccolo cilindro che probabilmente aveva desiderato per le tre ore precedenti e io mi sono fermato ad annusare come se fosse odore di mare la mattina presto, una cosa che avrei voluto fermare qualcuno e dirgli senti anche tu, lo senti che buono – è una cosa scema, lo so.

    4 Responses to “(Pro)fumo”

    1. john Says:

      No, a me non piace proprio

    2. nastja Says:

      noi fumatori, quando smettiamo di fumare, a volte ci mettiamo alle spalle di chi sta fumando con aria indifferente e narici frementi

    3. Stella Says:

      Bene, fa male! Comunque anche a me piace l’odore all’accensione e le prime tirate, solo due tipi: c… e m….Le fumava il mio direttore. Poi quello dei tabacchi profumati per pipa!

    4. SpeakerMuto Says:

      Ho fumato saltuariamente. Ogni volta smetto perché mi rendo conto che non mi piace più come il primo tiro.

      Qualche anno fa un ospite si scordò una sigaretta a casa (o probabilmente gli era caduta e l’aveva messa da parte?), così l’ho accesa: è stata la prima dopo tanti anni e la migliore che ricordi.

      Ripresi a fumare ma poco: cominciai con una la sera, al balcone. Arrivai a quattro perché comunque non erano paragonabili a quell’unico, sublime tiro. Dopo un po’ Lei mi fece smettere ma ero già sulla via: fumare in effetti non mi piaceva.

      Però ancora oggi, sebbene il fumo mi dia fastidio, mi piacerebbe accendermene una e provare la sensazione di quella volta.

    Leave a Reply