< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/05/2006

    Ministra dell’Educazione

    Filed under: — JE6 @ 11:43

    Chiariamo subito: rabbrividisco di fronte alla prospettiva dell’ennesimo sindaco milanese di centrodestra (se siete di quelli che vanno in sollucchero riflettendo se il trattino va messo o meno, accomodatevi); non tanto per la candidata – può essere peggio di Albertini? Tutto è possibile, ma deve impegnarsi non poco – quanto per i suoi compagni di strada, i Salvini, i De Corato, gente così.
    Ciò nonostante, non posso che essere d’accordo con Luca: la buona educazione e l’understatement della signora-Moratti-quella-di-destra sono anche e forse soprattutto un esercizio di furbizia, utile a lei ma, in fondo, anche a noi cittadini. E viene da pensare che se il signore che fino alle 12.30 di oggi sarà Presidente del Consiglio si fosse comportato allo stesso modo, avrebbe probabilmente vinto le elezioni con il settantacinque per cento. Vedi cosa vuol dire essere di buona famiglia.
    Wittgenstein

    10 Responses to “Ministra dell’Educazione”

    1. Franco Says:

      senza polemica ma è da anni che sostengo che Berlusconi tanto intelligente non è.
      Lo fosse, si sarebbe comportato come la Moratti ed ora sarebbe o PresdelCons incaricato o PresdellaRepp (suo grande sogno).
      Ma, come si dice dalle mie parti, il buon Silvio ‘l’è un pedocio refatt) cioè un pidocchio rifatto, uno che dal nulla ha fatto tanti soldi ma resta sempre un ‘villano’ o cafone di Fontamara.
      Come me.
      Franco

    2. MassimoSdC Says:

      Sarà…
      Ma io quest’Italia dei furbi e dei fessi la trovo deprimente.

      Un caro saluto
      Massimo

    3. Squonk Says:

      Mettiamola così: meglio uno che fa campagna elettorale dando del coglione a chi non lo vota, oppure una che, pur sommersa di fischi da parte di un branco di idioti incivili (nonchè politicamente poco avveduti), minimizza la cosa? Sarà anche un esercizio di furbizia, ma intanto serve a raffreddare un po’ gli animi, e a far pensare che, al di là delle differenze di opinione, ci si può reciprocamente rispettare (non amare: rispettare).

    4. Effe Says:

      ma guardi che il Dissenso Rumoroso è assai democratico.
      Il Rispetto Silenzioso è invece proprio delle dittature

    5. Squonk Says:

      No, Herr: le squadracce fasciste non erano fatte da silenziosi signori in doppiopetto. La metto con le parole di Vittorio Zambardino: vedo una candidata “di quegli altri” fischiata e cacciata dalle manifestazioni. Ma la libertà non è un bene indisponibile da chiunque? E un candidato della sinistra decente non avrebbe dovuto essere in prima linea per difendere la libertà di manifestazione della sua avversaria? E il servizio d’ordine di un sindacato, altre volte quasi invincibile sul piano militare, non avrebbe dovuto garantire la libertà di presenza di una invitata? Che disagio.
      Ecco, appunto.

    6. MassimoSdC Says:

      Nulla da eccepire, Sir Squonk, sulla necessità/utilità del rispetto. Di più: sono personalmente convinto che l’atteggiamento è anche sostanza e non solo mera forma. Ma credo che il rispetto lo si debba meritare e non possa essere estorto sempre, comunque e da tutti. Idioti compresi.

    7. egine Says:

      in disaccordo con MassimoSdC, non si capisce chi sia l’idiota
      se allude alla Sig.ra Moratti probabile prossimo sindaco di Milano,
      o ai pochi che l’hanno fischiata, pochi in piazza ma molti davanti ai televisori che non fischiano ma votano, e i fischi non
      aiutano, naturalmente speriamo in una giornata piena di sole
      con i sostenitori della Sig.ra Moratti in transferta nelle note
      località.

    8. MassimoSdC Says:

      Egine, essere in disaccordo con quanto non si capisce è piuttosto curioso. ;o) Comunque, coerentemente con quanto sostenuto, il disaccordo a me non dispiace. Anzi.

      Con simpatia.
      Massimo

    9. egine Says:

      MassimoSdC, troppo difficle, rinuncio, se può essere
      d’aiuto anche per me l’italia dei fessi e dei furbi
      è deprimente, la consideriamo una constatazione amichevole?
      con altrettanta simpatia

      egine

    10. MassimoSdC Says:

      Egine, constatazione amichevole accolta molto volentieri. ;o)
      ciao

      Massimo

    Leave a Reply