< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • September 2006
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/09/2006

    Come prima, più di prima (ti amerò?)

    Filed under: — JE6 @ 12:58

    Ieri sera ascoltavo un gruppo di maschi adulti commentare la giornata calcistica (1). Le solite cose: quello è un paracarro, il centrocampo non tiene, come ha fatto a non vedere quel fuorigioco, eccetera. Come se nulla fosse, come se Moggi, Pairetto, Bergamo, Galliani, Della Valle, come se le retrocessioni, i processi farlocchi, gli arbitri compiacenti, i sorteggi pilotati, le vergini in grisaglia, come se tutto questo non fosse mai esistito – come se in due mesi tutto e tutti fossero passati attraverso la Grande Catarsi Estiva.
    E’ stata l’ennesima e non necessaria conferma del fatto che – come già qui si scriveva qualche tempo fa – alla gente, in fondo, (non) gliene importa nulla del fatto che una gara sia truccata, che un atleta sia pieno di steroidi da scoppiare: quello che conta è che sia una bella gara, che l’atleta tiri più forte, salti più in alto, corra più veloce. Come e perchè, sembra essere un dettaglio trascurabile.
    Repubblica.it, Squonk

    (1) Il titolare, qui, vista la sua “fede” juventina, ha pensato bene di tenersi ai margini della discussione, iniziando ad apprezzare i vantaggi della propria nuova condizione di paria del tifo.