< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • September 2006
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/09/2006

    Tale padre, tale figlia?

    Filed under: — JE6 @ 13:45

    [Sempre a proposito di figli]
    Ora, se in quella lista di fatti/cose/persone che dovrebbero confermare l’irrimediabile declino del mondo occidentale in testa si trova Paris Hilton, mettetevi per un momento nei panni di suo padre [1] [2].
    Repubblica.it

    [1] Conto in banca a parte, se ci riuscite.
    [2] Ripensandoci bene, il genitore in questione è quello che suggeriva alla figlia di non dare soldi ai ricattatori, perchè quelli si tengono sempre una copia di ciò che gli consente di praticare il ricatto. Si suppone che parlasse a ragion veduta.

    Persone corte crescono (forse)

    Filed under: — JE6 @ 08:09

    Tra le diverse cose interessanti contenute nell’intervista che Sabelli Fioretti ha fatto a Renato Soru – fondatore di Tiscali e attuale “governatore” della Sardegna – c’è questo brandello di infanzia nuragica:
    Non ci si crede che a bambini così piccoli dessero responsabilità da grandi. Ricordo bambini di sei anni che si occupavano di bambini di un anno. Oggi se succede una cosa del genere ti arrestano.
    Mi è venuto in mente che io e mia mia moglie ci siamo sentiti stupiti ed orgogliosi quando abbiamo saputo che la persona corta era stata nominata tutor (sic) di una bambina di due anni più piccola, new entry della sua classe, trovando che questa fosse una manifestazione di fiducia nelle sue capacità da parte delle maestre. Poi ho ricordato che mio padre, nella stessa Sardegna nella quale è nato, cresciuto e vissuto Soru, all’età di dieci anni faceva il pastore e rimaneva solo, di notte, tra boschi e radure, a chilometri di distanza dal paese, del quale non poteva nemmeno vedere le luci perchè, nel 1940, l’illuminazione pubblica di un paesino di mille anime era quel che si dice una chimera.
    E ho pensato che oggi, in fondo, le persone corte ci danno l’impressione di diventare grandi molto in fretta perchè a quattro o cinque anni sanno cambiare un dvd o usare la Playstation, ma in fondo sono molto più “piccole” di quanto non fossero i loro nonni, perchè noi – i loro genitori – a quarant’anni non sappiamo sopportare nemmeno un decimo delle Paure che i nostri padri hanno dovuto e saputo affrontare durante la loro infanzia. Le persone corte, a ben vedere, sono quelle più alte.
    Sabelli Fioretti