< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • September 2006
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/09/2006

    Ditemi che non è vero

    Filed under: — JE6 @ 15:24

    L’idea di essere protagonista di un reality e di non avere una qualunque Fernanda Lessa o Elena Santarelli da guardare a distanza ravvicinata mi getta in uno sconforto indicibile.
    Wittgenstein

    Dammi solo un minuto?

    Filed under: — JE6 @ 11:15

    E allora nasce il culto del riassunto, il culto del prontosoccorso, il culto del muco, e muoiono il testo, la prevenzione, il Bactrim.
    Il signor Livefast riflette su cosa, quanto e come si può dire ciò che si ha in testa, quando i tuoi lettori ti dedicano mediamente un minuto e diciotto secondi.
    Da queste parti siamo a sei minuti netti, ma le riflessioni sono esattamente le stesse. Forse è meglio non pensarci, e – borgesianamente – limitarsi a immaginare i lettori di spalle.
    Cloridrato di Sviluppina

    Eppure dovrebbero essere abituati

    Filed under: — JE6 @ 11:07

    La cosa che mi lascia più stupito delle rivolte ungheresi è che vengono da un popolo che, almeno negli ultimi cinquanta o sessant’anni, di menzogne e governi inetti ne ha sentiti e visti più di due o tre.
    Repubblica.it

    Prendi i soldi e scappa

    Filed under: — JE6 @ 10:01

    Fare soldi sui, e con i, soldi degli altri è un mestiere come un altro; forse, ha bisogno una dose di faccia tosta e di pelo sullo stomaco che altre professioni non richiedono.
    Il Giornale