< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • September 2006
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/09/2006

    Non so

    Filed under: — JE6 @ 10:58

    Non so se gli affezionati lettori vi hanno fatto caso, ma almeno un quarto dei post, da queste parti, iniziano con le parole “non so”.

    Sotto i riflettori

    Filed under: — JE6 @ 10:53

    Non so se capita anche a voi, ma ogni volta che vedo un servizio fatto in occasione di uno dei vari festival del cinema (chessò, Venezia, Cannes, Berlino) rimango affascinato dalla Pura Gioia che il volto dell’inviato irradia verso noi telespettatori. E attenzione, non parlo solo del Campione Interplanetario di Superlativo Assoluto, al secolo Vincenzo Mollica. No, guardate Anna Praderio, o Teresa Marchesi. Il sorriso che adorna il loro bel faccino non è di circostanza, e non è nemmeno il frutto della fascinazione che un comune mortale subisce trovandosi di fronte alle celebrità di Hollywood o di Cinecittà (1): è l’espressione della Contentezza, della Felicità, della Pienezza Raggiunta e Realizzata. E’ qualcosa che invidio, sul serio: quando sento dire che la felicità non è di questa terra, penso a me stesso e mi dico che è vero; forse Mollica, Praderio e Marchesi sono degli alieni, chissà.

    (1) Devo peraltro ammettere di non poter portare testimonianze personali in merito a questa fascinazione, dato che sulla mia agenda dei Grandi Incontri posso annoverare solo Bruno Lauzi, Carmen Russo, Antonella Clerici e Ilaria D’Amico – negli ultimi tre casi, più che affascinato ero ampiamente distratto, credo di non dover spiegare il perchè.