< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • September 2006
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/09/2006

    Un grande passo avanti per l’umanità

    Filed under: — JE6 @ 17:43

    James Bond passa alla birra.
    Repubblica.it

    Feste di piazza – 2. E’ tutto un magna magna

    Filed under: — JE6 @ 08:24

    D’accordo, più passa il tempo e più si diventa, volenti o nolenti, cinici e disincantati. Però, nonostante questo, non riesco a non guardare con smarrimento a cosa è diventato il Festival dell’Unità – una lunga sequela di venditori di pentole, aspirapolveri, automobili, cravatte in seta a dieci euro, orologi di plastica, magliette taroccate, case in cooperativa, una lunga teoria di ristoranti valtellinesi e tibetani, pub, caffè, librerie a base di Tom Clancy. Così è se vi pare, e cosa importa se ormai sembra tutto un centro commerciale di terz’ordine.
    DS Milano

    Feste di piazza – 1. Lella

    Filed under: — JE6 @ 07:53

    Ti ho vista arrivare, e ti ho riconosciuta subito, anche se sono passati vent’anni dall’ultima volta che ci siamo salutati. “In bocca al lupo”, mi hai detto, pensando all’esame di maturità che mi aspettava.
    Ti sei seduta al mio fianco, su una panca di legno di questo improvvisato teatro per bambini, con tua figlia seduta sulle ginocchia. Non credo che tu mi abbia visto in faccia, perchè mi sono messo in modo da fissare con attenzione il palco e darti quasi le spalle; ma se mi hai riconosciuto, hai fatto quello che ho fatto io: ti sei tenuta i ricordi, sospesi in quel filo di incertezza che ti coglie quando l’inatteso riemerge dopo più di metà della tua vita.
    Fa quasi ridere, tutto questo, considerando che non eravamo altro che amici, e nemmeno di quelli con la A maiuscola – tu in terza, io in quinta, ciao come stai, com’è oggi quella di tedesco, domani c’è assemblea. Ma non ci si può e non ci si deve nemmeno spiegare sempre tutto. Mi ha fatto piacere rivederti, Lella, chiunque tu sia e qualunque cosa tu faccia oggi.