< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2007
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/05/2007

    Cos’ho che non va

    Filed under: — JE6 @ 21:03

    Questa sera ero nel cortile del palazzo dei miei suoceri. Aspettavo mia moglie, che stava parcheggiando a un centinaio di metri di distanza. C’erano un’aria fresca e piacevole, profumi dolciastri di piante primaverili e un silenzio agostano. E’ passato un ragazzino, le scarpe da calcio con le stringhe slacciate e il borsone dell’allenamento letteralmente più grande di lui. Mi ha guardato stranito, infilandosi in bocca un wafer o qualcosa di simile, forse chiedendosi cosa stessi facendo lì, fermo con le mani nelle tasche dei jeans a guardare verso i grattacieli che dividono il quartiere dal parco. Io stavo solo respirando, in beata solitudine. Poi, lo giuro, per alcuni brevi secondi il cervello mi è stato attraversato da pensieri che avevano a che fare con la politica – non lo so perchè, l’altro giorno mi si è parata davanti agli occhi l’immagine della Sears Tower mentre stavo imballando il lettore dvd, mi chiedo se queste cose capitano solo a me. Per fortuna è arrivata mia moglie, col suo passo rapido e teutonico; mi ha guardato, dirigendosi verso il portone, ma siccome mi conosce da fin troppo tempo, non era stranita come il ragazzino. Ha fatto un piccolo gesto con la testa, una specie di “dai, su” efficiente e comprensivo. L’ho seguita, chiedendomi cos’ho che non va se mi capita di pensare a Prodi alle otto di sera, a digiuno e dopo aver svuotato qualche altra decina di scatoloni.

    One Response to “Cos’ho che non va”

    1. attentialcane Says:

      scatoloni e prodi: il virus ha fatto il suo effetto anche sul sottoscritto.

    Leave a Reply