< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/12/2004

    dooH niboR

    Filed under: — JE6 @ 15:10

    “… in sintesi, al 50 per cento più povero dei contribuenti va il 12,5 per cento dello sgravio mentre il 16,5 per cento dei contribuenti più ricchi gode del 60 per cento del totale”.
    L’articolo è lunghino, e la materia obbliga all’uso di qualche tecnicismo. Ma, con un po’ di impegno, si capisce. Eccome, se si capisce.
    LaVoce.info
    (il titolo non è mio: il merito è tutto di Massimo Morelli)

    6 Responses to “dooH niboR”

    1. Gilgamesh Says:

      Sir, perdoni l’OT, e non è che non apprezzi sia la sua segnalazja che il calembour di MoMo, ma mi premeva portare alla sua attenzione due nuovi (per me) blog meritevoli (e per contenuti e per collocazione geografica) dell’inserimento nel nostro piccolo BlogRing FortzaParis. Entrambi splinderiani, si tratta di Birimbai ( http://bardofulas.splinder.com/ ) e EvaCarriego ( http://braiandinazareth.splinder.com/ ) , il primo di recente apertura ma la seconda in linea già da Dicembre 2003, un vero peccato non averla incontrata prima (ma si può sempre recuperare il tempo perduto leggendone gli archivi, penso le piaceranno sia i racconti che le atmosfere e soprattutto l’uso attento della limba e del linguaggio)

    2. Massimo Morelli Says:

      Ci poteva stare anche un accenno a un “e noi che stiamo nel mezzo” di Peanutsiana memoria.
      😉

    3. Effe Says:

      io mi sento sempre dalla parte dei decimali

    4. marco Says:

      Ho visto di corsa l’articolo ma non l’ho ancora letto.
      La frase citata, per uno che non ha letto tutto il pezzo, puo’ essere equivoca e a mio avviso non puntualizza il problema, perche’ potrebbe essere un modo di dire che i piu’ ricchi risparmiano in assoluto piu’ dei piu’ poveri.
      Questo e’ in larga misura ovvio, perche’ in una riduzione generalizzata delle tassa chi risparmia di piu’ *in assoluto* e’ quasi sempre chi guadagnava di piu’ e quindi pagava di piu’ in assoluto.
      Ora che ho visto una tabella dell’articolo, mi sembra che le ragioni di critica siano nel fatto che i piu’ ricchi risparmiano di piu’ non solo *in assoluto* ma anche *in relativo*, e quello mi sembra decisamente troppo.

    5. Squonk Says:

      Marco, infatti quello è il problema. La tassazione dei redditi avviene in modo proporzionale e progressivo; questa riforma cambia i caratteri della proporzionalità e della progressività: a favore di chi, l’hai già scritto tu.

    6. Massimo Morelli Says:

      Riforma regressiva, in almeno due sensi.

    Leave a Reply