< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/12/2004

    Come in un film

    Filed under: — JE6 @ 11:51

    Sono passati vent’anni, un certo numero di generazioni di cittadini indiani sono state rovinate, i danni all’ambiente (come quelli sulle persone) sono in parte certi, in parte ancora da determinare, e comunque gravissimi.
    Però, finalmente, la Dow Chemical ammette che la catastrofe di Bhopal è colpa sua, e stanzia 12 miliardi di dollari (circa 9 miliardi di euro) come risarcimento.
    Non credo che la storia sia finita, no; i morti non torneranno in vita, le malattie non guariranno, forse la cifra pro-capite sarà irrisoriamente modesta. Però, in questo momento, sembra di assistere ad uno di quei drammoni legali americani, un po’ film d’azione e un po’ courtyard movie, dove c’è l’avvocato idealista che, alla fine, riesce ad incastrare il grande cattivo. Insomma, parlare di happy end è davvero improprio, ma questa sembra una buona notizia.
    Repubblica.it

    5 Responses to “Come in un film”

    1. severine Says:

      Ora speriamo che pensino anche a noi bambini del triclorofenolo.
      (Brigate Seveso ’76)

    2. Squonk Says:

      Ricordo che mio padre andava a fare servizio di pattuglia a Seveso. Portò a casa alcune tute e maschere che lui e i suoi colleghi dovevano indossare: per farle vedere a me e mia mamma, per ricordo, non so.
      All’epoca avevo dieci anni, quella roba mi sembrava venire dritta da un film di fantascienza; probabilmente era solo abbigliamento fatto con una versione evoluta della carta velina.

    3. severine Says:

      Le tutine bianche, le giacche a vento di carta, quanti ricordi. Ora sarebbero oggetto di culto.

    4. mafe Says:

      E ahimè, quella del risarcimento era solo una bufala 🙁
      E la poca eleganza di Repubblica.it è assoluta: basta vedere cosa c’è adesso nella pagina che linki 🙁

    5. vogliaditerra Says:

      Vent’anni di vergogna
      Si chiamano the yes men, e potresti diventare anche te uno di loro, correggendo l’identità di qualche responsabile delle organisazzioni-profit. L’ultima “vittima” la Dow Chemical, che vent’anni dopo Bhopal si sente dire alla BBC che pagano un risa…

    Leave a Reply