< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/12/2004

    Viscerale

    Filed under: — JE6 @ 08:28

    Riceviamo e volentieri pubblichiamo:
    Caro Sir,
    (…) volevo però farle presente che il suo viscerale post sull’assoluzione del presdelcons (e sulla condanna dell’ on. Dell’Utri) non è affatto degno di Lei.
    Mi abbia comunque suo immutato ammiratore.
    il macca

    Altrettanto volentieri rispondiamo:
    Caro Macca,
    i fatti sono fatti, e il PresDelCons è stato assolto a metà. Da cittadino, sono contento a metà: io mi auguro di essere governato da persone oneste, delle quali io possa mettere in dubbio la validità della linea politica, ma non la rettitudine. Se i fatti sono quelli che emergono dalle sentenze – tutte di primo grado, certo – beh: quella rettitudine è alquanto opinabile.
    No?
    S.

    10 Responses to “Viscerale”

    1. Jaisalmer Says:

      Per le sentenze di primo grado, noi cittadini siamo stati governati da un mandante di un omicidio e per due da un arruffatore di pecunio preso a monetine. Dev’essere un progresso passare a un PresDelCons corruttore di giudici… 🙂

    2. Squonk Says:

      Mah, dal mio punto di vista c’è poca differenza tra padella e brace.

    3. Effe Says:

      non sei mai veramente colpevole, finché hai una televisione per raccontare (Baricco, Novecento – o dintorni)

    4. stefano Says:

      bravò.

    5. lester Says:

      Domanda di un ingegnere ignorante: “prescrizione” significa che la colpevolezza è stata accertata, ma non si punisce perché è passato troppo tempo, oppure che, avendo accertato che l’eventuale reato non sarebbe punibile, non si entra nel merito della colpevolezza?
      L’interpretazione “politica” sarebbe diversa.
      (Poi ho l’impressione che, come per Andreotti, i giudici tendano a usare la prescrizione come “match pari” per evitare sentenze che in ogni caso sarebbero molto strumentalizzate politicamente. Sarò un malpensante).

    6. Squonk Says:

      Lester, risposta di un markettaro ignorante quanto l’ingegnere, in attesa che qualche (aspirante) magistrato o avvocato ci illumini: io credo che, se vengono concesse le attenuanti generiche, è perchè si è accertato che il reato è stato commesso. A logica, non si danno attenuanti a chi è stato considerato innocente oppure a chi non è stato giudicato del tutto.

    7. Jaisalmer Says:

      La prescrizione dipende dall’uso che se ne fa: è una salvaguardia giuridica che afferma che il reato si estingue (non è più penalmente rilevante, non è perseguibile) dopo un certo numero di anni, pertanto si è innocenti (perché in costituzione c’è la presunzione di innocenza), perché non viene più “considerato” reato dal giudice. Pertanto, se si accerta un fatto prescritto, La domanda è: se era colpevole, e la corruzione di pubblico ufficiale è un reato grave, perché dare a priori le attenuanti generiche che dimezzano i tempi di prescrizione (già al 1998, quando il processo è iniziato)? Ho la mia ipotesi, ma me la tengo.

    8. Jaisalmer Says:

      Sir, a voler ragionare con questa logica (e considerato il comportamento allungatempi suo e degli avvocati di B. durante il processso), se uno è colpevole di aver commesso il reato, le attenuanti non vanno concesse a priori, ma deve intervenire la condanna, con eventuale sospensione della pena. Credo sia solo una formula per salvare capra e cavoli giuridici (forse l’unica possibile perché per pagamenti del 1991 è stato condannato il suo avvocato P.).

    9. marco Says:

      Secondo me un post che chiarisce abbastanza la questione e’ questo
      http://www.milton.splinder.com/post/3586317

    10. sphera Says:

      Per far le cose bene sarebbe opportuno chiedere le attenuanti prima di commettere il reato. Si risparmia tempo che, si sa, è denaro.

    Leave a Reply