< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/05/2006

    Greetings from London ’06 – 2. Una salsiccia nel buio

    Filed under: — JE6 @ 19:10

    I treni della metro di Londra (the Tube) sono fantastici. Almeno questi della Piccadilly Line, quella che parte da Heathrow e se va – appunto – a Piccadilly Circus, e poi ad Arsenal. Sono bassi, arrotondati verso l’alto, lunghe salsicce che attraversano la campagna prima e i tunnel poi, con i loro sedili ricoperti di velluto – un po’ come i coperchi del water che ho trovato in tanti posti in Scozia, cosi’ stretti che se hai il piede un po’ lungo ti trovi sicuramente a fare delle avances a chi ti siede di fronte. E, come le auto, vanno sulla sinistra (tutti i treni lo fanno, vero?). I love this train.

    Leave a Reply