< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • May 2006
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/05/2006

    Gruesse aus Frankfurt – 10. Bellezze

    Filed under: — JE6 @ 19:41

    Prima o poi, bisognerà fare un discorso serio su questo mito della bellezza del Belpaese (l’Italia, zucconi). Che è bello, certo: però è bello di una bellezza non più nostra, di mille o duemila anni fa, che alla maggior parte di noi non dice più nulla, e infatti lo trattiamo da schifo. Da queste parti avranno anche meno storia (non è vero, ma facciamo finta che), ma c’è un rispetto e una cura per i luoghi che è rispetto e cura per se stessi. Non parlo solo dei palazzi, delle chiese, dei monumenti, delle stazioni. Parlo anche di cose piccole ma non banali come i cartelli stradali; che fanno parte dell’arredo urbano, per chi non se ne fosse accorto, e sono puliti, chiari, tenuti dritti. O gli uffici postali, gialli come quelli di Poste Italiane, ma lindi, con le cose tenute in ordine, gli spazi lasciati liberi e vivibili. O gli avvisi, quelli che si mettono sulle porte non funzionanti della metropolitana (ma certo che capita), scritti in modo chiaro, leggibile, anche piacevole alla vista. O il fatto di avere un negozio di frutta e verdura (bello, e molto utile, se ci si pensa appena un po’) proprio davanti alle scale mobili della Schnellbahn. Noi, invece, stiamo dietro alle cazzatelle della moda, al mito dell’italiano vestito bene (non è vero, guardatevi in giro, non è vero e prima lo si ammetterà meglio sarà per tutti – o quasi), ai lasciti di Napoleone e Numa Pompilio. La bellezza è ciò che ti fa vivere bene, con piacere – e tu guarda, a me sembra che i tedeschi vivano in una nazione più bella della nostra.

    One Response to “Gruesse aus Frankfurt – 10. Bellezze”

    1. dado Says:

      mi sa che sta cosa ormai è assodata da tempo.
      meglio ancora la svizzera, e poi su su olanda svezia finlandia.

    Leave a Reply