< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • March 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/03/2010

    La dura legge del gol

    Filed under: — JE6 @ 12:20

    Magari lì tra voi c’è qualche economista che mi sa spiegare se una squadra di calcio di serie A è un asset, un bene della e per la città che la ospita, una cosa che meriti le preoccupazioni e gli sforzi del sindaco in carica – perché a me, sarà che il calcio lo seguo distrattamente, questa cosa un po’ sfugge.
    Calciopro

    One Response to “La dura legge del gol”

    1. Camillo Says:

      Sir, qui all’ombra “der Cuppolone” noi siamo più sul cotè opposto… sia per il calcio, sia per il sindaco. Ma – detto tra noi – quel poveretto di Alemanno bisogna pure capirlo: i vari tifosi (?) organizzati che si oppongono al presidente Lotito e contestano la dirigenza laziale hanno chiaramente esplicitato la loro posizione: “O si fa come diciamo noi o vi scordate che noi si voti la Polverini.” E sò problemi…

    Leave a Reply