< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • March 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/03/2010

    Assenza

    Filed under: — JE6 @ 20:02

    La vita è una botte, o una bottiglia: e i vuoti non si riempiono con le assenze. “C’è sempre” diventa la spiegazione che non si può discutere, tanto è inoppugnabile; esserci significa poter fare e dire e toccare e guardare: cosa e come, è questione di voglia e applicazione, e tutto si può aggiustare. “Non c’è mai” è la necessaria sconfitta, perchè poco importa se quel pochissimo è fatto di perle: nessuno vive mangiando solamente ostriche, ci vuole un piatto di pasta, una pizza, un cono di gelato alla crema. Sul ring si sta in due, e l’arbitro: e questo ha vita facile nel decretare il vincitore, quando l’altro non si presenta tra le corde; perché magari il solo posto dove può stare è là, quarto posto a destra della sesta fila: spettatore, in attesa di un cenno di invito.