< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    2526272829  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/02/2008

    Consigli per stare meno peggio

    Filed under: — JE6 @ 11:03

    E’ da qualche giorno che passo davanti alla libreria, con la tentazione di prendere in mano e rileggere un libro magnifico ma doloroso. E non so decidermi, non so se sia un bene, se valga la pena provare nuovamente ansia e pena. Il libro è “Pastorale americana” di Philip Roth. Ora, magari un libro così ce l’avete anche voi, e mi piacerebbe sapere qual è – se non altro per starne alla larga.

    15 Responses to “Consigli per stare meno peggio”

    1. Gianluca Says:

      “L’informazione” di Martin Amis.

    2. evylyn Says:

      Ieri ho finito di leggere “Non dire notte” di Amos Oz. Magnifico e un pò triste. Ma solo un pò.

    3. vic Says:

      “Oblio”, di David Foster Wallace. Arrivi a un certo racconto e, se hai figli, ti fermi lì.

    4. Squonk Says:

      Vic, il motivo è proprio quello – almeno per me.

    5. loziolimone Says:

      Sono d’accordo con Vic. Da quando l’ho letto ogni volta che metto a bollire l’acqua mi viene il magone.

    6. simone Says:

      è lo stesso identico tuo.
      seguito da “patrimonio” sempre dello stesso Roth, che paradossalmente nonostante l’argomento è un po’ meno doloroso.
      ciao

    7. edo 66 Says:

      Ho finito ieri sera “La strada” di McCarthy. E’ bellissimo ma straziante. Non so se riuscirei a rileggerlo.

    8. farfintadiesseresani Says:

      “Diario di un dolore” di C.S. Lewis.

    9. Camillo Says:

      Io ci sono appena entrato, nelle storie dello svedese… che faccio? Mollo?

    10. chamberlain Says:

      bellissimo, straziante ed angosciante.
      almeno adesso so riconoscere un paio di guanti di buona fattura.

    11. Proletari Says:

      Gli indifferenti. Poi a luglio ci nasce un bambino…
      Allora Pastorale Americana sarà più doloroso, ma non ne sono sicuro, perchè personalmente mi sembra soprattutto un libro “metaforico”. Magari se lo rileggi pensando più a quel lato lì, piuttosto che alla vicenda, la rilettura ti riesce più facile. (Cerco di spiegarmi con un paragone assurdo: un po’ come fanno leggere la Divina Commedia a scuola, pensando più alle metafore che alle vicende).

    12. diegone70 Says:

      Infinite Jest.

    13. Alessandro Lanni Says:

      confermo La strada, ci ho messo un paio di settimane a finirlo da quanto e’ doloroso

    14. johns Says:

      Utz, Bruce Chatwin. Perchè è doloroso perdere del tempo a leggerlo

    15. Giulia Says:

      Qualsiasi Kurt Vonnegut.

    Leave a Reply