< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • October 2011
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/10/2011

    Dieci minuti, magari un quarto d’ora

    Filed under: — JE6 @ 09:15

    Poi ci sono questi dieci minuti, magari un quarto d’ora, che si aprono le porte dell’ufficio e non c’è ancora nessuno se non il responsabile dell’amministrazione su al secondo piano, ma qui è ancora buio e silenzioso perché è presto e arriveranno tutti alla spicciolata durante il prossimo paio d’ore e ci saranno le cose di tutti i giorni quando siamo qui e non in giro, ci saranno le riunioni e le telefonate e i chi viene a prendere un caffè e le mani nei capelli e le risate isteriche e i suoni della campanella degli ordini grossi e i cambi delle prenotazioni dei treni e degli aerei, però adesso ci sono questi dieci minuti, magari un quarto d’ora che basta la lampada sulla scrivania, arriva Chiara e saluta con la sua voce bassa e mette su un po’ di musica a volume basso, fuori è tutto color piombo e questi dieci minuti, magari un quarto d’ora sembrano un lungo prendere fiato prima di mettersi ai blocchi di partenza.

    One Response to “Dieci minuti, magari un quarto d’ora”

    1. Stella Says:

      E in quei cinque minuti cinque, che pensi così intensamente da ritrovarti altrove. Sono solo cinque minuti cinque
      e
      … Di colpo dischiudi gli occhi che non avevi mai chiusi e ci sei dentro…adesso nella tua realtà.

    Leave a Reply