< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    2526272829  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/02/2008

    Greetings from Leeds ’08 – 2. La scalinata

    Filed under: — JE6 @ 23:42

    Quando scendiamo dalla macchina, il termometro segna 0.5, e la strada inizia a coprirsi di una patina biancastra che non fa presagire nulla di buono. Ci incamminiamo verso il ristorante, quando sentiamo le risate di un gruppo di ragazze dall’altra parte della strada. Sono sei o sette, tutte vestite leggerissime, minigonne, tacchi a spillo, magliette scollate: una fotografa, e le altre sono in posa sulla scalinata di un locale thailandese. Dopo un paio di flash scendono gli scalini e sciamano in gruppo lungo il marciapiede, senza soffrire – almeno apparentemente – il freddo della sera, con il passo da guardie della regina e il seno aggressivo da ventenni decise a divertirsi. Noi ci infiliamo in un portone, loro proseguono – e non è difficile immaginare chi avrà “more fun” questa sera.

    3 Responses to “Greetings from Leeds ’08 – 2. La scalinata”

    1. baldo Says:

      ciao, piacere Gabriele…
      In USA è la stessa cosa, non capisco se è un ormone strano insito nella donna intorno ai 20 anni o un gene sballato delle popolazioni anglosassoni: in ogni caso a me fanno freddo solo a guardarle…

    2. lester Says:

      Le britanniche, specie giovani, hanno notoriamente una resistenza al freddo disumana. Ma forse è solo che devono approfittarne finché possono: subito dopo i vent’anni cominciano a sbuddare.

      (conto sulle sue radici isolane perché non sia necessario tradurre il termine precedente…)

    3. Antani Says:

      Più che un post è una fotografia!
      Ero a Londra il 31 ottobre scorso, dai locali del centro entravano ed uscivano ragazze con abiti succinti, spalline filiformi. In metro, una ragazza girava in abito da sera con le scarpe in mano, che i tacchi a spillo in certi ambienti sono un problema. Però a pensarci bene non è che da noi con la vita bassa le cose vadano meglio.
      @lester: per i non isolani, deriva per caso da budda?

    Leave a Reply