< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • February 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    2526272829  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/02/2008

    E tre anni in più sono un capitale di esperienza

    Filed under: — JE6 @ 14:49

    Continuiamo con il work in progress delle inclusioni-esclusioni nel/dal PD:
    Fuori Ciriaco De Mita, anni 80.
    Dentro Umberto Veronesi, anni 83.
    Un piede dentro e uno fuori Giacinto Pannella detto Marco, anni 78.
    [Secondo me c’è una logica matematica dietro tutto questo, ma non ho ancora capito qual è]

    16 Responses to “E tre anni in più sono un capitale di esperienza”

    1. fede Says:

      l’importante è essere giovani dentro, ma essere vecchi fuori aiuta…

    2. Carlo M Says:

      la logica a me pare semplicissima: de mita è in parlamento dal XVII secolo mentre veronesi non c’è mai stato.

    3. Squonk Says:

      CarloM, e questa fa qualche differenza, in termini di merito?

    4. Luca Says:

      anche a me sfugge una cosa: come mai gli stessi che dicevano “l’età non conta”, adesso che si fanno scelte in cui l’età non conta (giovani e vecchi, certi vecchi dentro e certi fuori) stanno con tanta pignoleria a giudicare l’età dei candidati. L.

    5. wizzo Says:

      Forse m’è sfuggito un passaggio, ma non mi pare che l’esclusione di De Mita sia mai stata motivata con l’età. Poi scusate, ma questo gioco del “due età-due misure”, dall’una e dall’altra parte (i giovanilisti e gli antigiovanilisti, voglio dire), mi ricorda tanto quei bei dibattiti sul nulla tra tifosi di destra e di sinistra, che quando governano gli altri c’è il declino, quando ci sono i nostri invece il Paese sprizza energia da tutti i pori.

    6. AdRiX Says:

      Fuori un mandarino del Parlamento, dentro una persona intelligente e estremamente competente. Facciamo conto che si tratti di “età parlamentare” e non di “età anagrafica” e siamo tutti contenti, anche i tetrapiloctomisti.

    7. Squonk Says:

      Luca, qui si fanno le pulci alla cosa proprio per sostenere la vacuità del dibattito. La questione sta nel merito, e in questo senso le scelte del PD non mi dispiacciono. Peraltro, è stato proprio WV a dire che De Mita aveva fatto il suo tempo in termini di durata del servizio: sbagliando, si è scordato il merito.

    8. alex Says:

      IMHO il punto non è l’età, o l’anzianità legislativa, o l’intelligenza o…
      Il punto è stabilire regole chiare e trasparenti per scegliere i candidati.

      Altrimenti meglio dire: decidiamo noi a nostra totale discrezione (noi = quelli che si sono cooptati poco democraticamente nella nuova nomenclatura, do you remember Luca?).

      Altrimenti,per dire, si dovrebbero fare le primarie. le primariette. le… no, continuate voi che a me viene troppo da ridere.

    9. Carlo M Says:

      sentite, credo che le ragioni per le quali de mita non è stato candidato siano valide…diciamo che è un misto di anagrafica, età parlamentare e merito, oppure diciamo che de mita ha fatto il suo tempo, oppure diciamo quello che vi pare. ora che l’abbiamo detto, dico anche che il tentativo di critica al PD sui motivi per i quali candida veronesi e non de mita mi pare di un’inconsistenza disarmante. se qualcuno vuole iniziare subito a martellarsi/ci gli zebedei con l’autolesionismo fine a se stesso (a due mesi dalle elezioni) non c’è problema, ma è un gioco che a me non interessa. io so solo che hanno fatto bene a non candidare de mita, e se andrete per le strade a chiedere alla gente se hanno fatto bene, suppongo che il 98% degli intervistati risponderà di sì. ognuno poi si scelga il motivo che più gli piace.

    10. elena Says:

      Come già hanno detto altri l’esclusione di De Mita non è una questione anagrafica. Parliamo di una persona che ha passato la vita in parlamento. Veronesi è un’altra cosa.
      Io faccio politica da tempo e sono arrivata ad una personalissima teoria: in una carica posso dare qualcosa di nuovo per massimo 5 anni, per altri 2/3 metto a frutto l’esperienza, dopo vado in calando.. Ecco perchè le due legislature non sono una regola sbagliata, secondo me.
      Sono per il ricambio, ma non per il giovanilismo..

    11. baldo Says:

      83-80=3
      78+3=81
      fuori De Mita perchè è vecchio, il parlamento invecchia comunque di 1 anno
      aver fatto li scientifico a volte aiuta…

    12. arsub Says:

      Chi come me vive in Campania è felicissimo dell’esclusione di De Mita, e non certo per la sua età o per il fatto che è da quarant’anni in Parlamento. L’ho già detto da qualche altra parte, ma è bene che si sappia che parliamo di un politico che è sempre stato abilissimo nel giocare su due piani, quello pubblico apparentemente nobile della politica (pseudo)alta, e quello molto meno visibile per chi vive a Milano o a Trento, che consiste nel piazzare propri uomini, con una logica da occupazione militare e non certo per merito, praticamente ovunque in questa regione già abbondantemente martoriata. Tanto per fare un esempio, avete idea del perché uno che ha provocato una vera e propria voragine nei conti della più importante ASL napoletana si sia poi ritrovato, come giusto premio, a fare l’assessore regionale alla sanità, appunto in Campania? Ma perché è un demitiano di ferro, ovvio (e qui una parte della colpa è da attribuirsi anche al buon don Antonio).

    13. fazen Says:

      Fosse solo per l’età… Uno scienziato che fa dichiarazioni in TV del tipo “gli inceneritori non causano tumori” così, senza appoggiarsi a nessuna ricerca seria, non merita neanche considerazione. A prescindere dall’età.

      Vedi: http://www.stefanomontanari.net/index.php?option=com_content&task=view&id=441&Itemid=1.

    14. john Says:

      Veronesi è una scelta dettata dalla necessità di rosicare voti al centrodestra.

    15. john Says:

      voti in Lombardia, volevo dire

    16. alex Says:

      Elena, “nuovo” e “ricambio” non mi sembrano criteri sufficienti:
      il nuovicchio Veronesi, che è già stato ministro e in n-mila commissioni, ha 83 anni (ottanta-tre).
      Marianna Madia, 27 anni, figlia di un amico di Veltroni ed ex fidanzata del figlio di Napolitano, non ha alcuna competenza. Come dice qualcuno, se quella è un’economista io sono un nobel.

      Abbiamo bisogno di candidati- simbolo, o di gente nuova, con idee, competenze, esperienze, energia, e magari un po’ di etica – nessuno di questi elementi escluso?

    Leave a Reply