< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • May 2010
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/05/2010

    Gli esami non finiscono mai

    Filed under: — JE6 @ 13:14

    E’ che uno vorrebbe poco, un’amaca, un filo di vento, la testa sgombra. E’ che uno non vorrebbe costantemente correre in cerca di prove e conferme, e sudare e stancarsi e arrovellarsi. E’ che uno si vorrebbe risparmiare le attese, gli indomani e i dopodomani e gli allora com’é andata. Ma diceva quello – ed era uno che ne sapeva – che gli esami non finiscono mai, e forse l’unico modo di evitarli é prepararsi per la cena, dormire se ci si riesce e poi partire, oggi qui e domani là, che quando torni al punto di partenza nemmeno ti ricordi più com’era, tutto nuovo, tutto dimenticato, saltando da una cresta dell’onda all’altra.