< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • May 2010
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/05/2010

    La busta

    Filed under: — JE6 @ 20:45

    Le due donne guardano la mensola, sulla quale la più anziana ha steso un telo colorato prima di appoggiare i pacchetti e i biglietti di auguri. La scatola più grande contiene un magnifico paio di stivali. Un’altra un aggeggio elettronico del quale la donna ha sentito molto parlare ma che non saprebbe né chiamare per nome né tantomeno accendere. Gioielli. Un telefono. Un plico con il logo di un’agenzia di viaggi. Hai tanta gente che ti vuole bene, dice alla donna più giovane. Ho tanta gente che mi vuole, risponde questa. Le due donne rimangono in piedi, in silenzio, l’una che aspetta che l’altra inizi a sciogliere i fiocchi e aprire i pacchetti e magari sorridere. Entrambe, senza dirselo, pensano alle feste di compleanno di quando la donna più giovane era una bambina. Dimenticavo questa, dice la donna anziana estraendo dalla borsa appoggiata sul pavimento una busta bianca con il nome della donna più giovane scritto a mano, probabilmente con una stilografica. Era nella cassetta della posta, dice, porgendo la busta alla donna che le sta a fianco. Chi è, le chiede. Un amico. Un altro che ti vuole, mormora la donna anziana con la voce stanca. Sì, risponde la donna più giovane aprendo piano la busta e guardando il foglio a quadretti riempito da una scrittura fitta e elaborata. Sì, uno che mi vuole. Uno che mi vuole bene.

    “Bene”

    Filed under: — JE6 @ 06:56

    Ciao.
    Ciao.
    Come va?
    Bene.
    Oh, ottimo. Stasera vieni all’aperitivo?
    Penso di sì, ma decido all’ultimo.
    Come mai?
    Niente, vedo chi c’è.
    Capito.



    Cosa c’è?
    Niente.
    Dimmi cosa c’è, per piacere.
    Nulla. E’ che non capisci mai quando ti dico “bene” e non è vero.