< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • May 2010
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/05/2010

    Il dolce e il salato

    Filed under: — JE6 @ 07:46

    La coppia entra nella sala dell’albergo dove viene servita la colazione. Si muovono senza fretta, riempiono i piatti, chiedono un cappuccino, si siedono. Parlano, lui ogni tanto alza gli occhi verso le montagne che si vedono dall’altra parte della grande vetrata. Due signore tedesche, forse sorelle, si alzano e vanno verso la loro camera. Loro rimangono soli. Lei racconta di un piccolo paese e delle sue vacanze e dei suoi quindici anni, lui ascolta e sorride. Non si toccano, le mani rimangono lontane, eppure danno la sensazione di essere molto vicini. Il cameriere si avvicina per chiedere se vogliono un altro caffè. Mangiano come mangiano le persone serene, mangiano il dolce e il salato, prendendosi il tempo che serve, né di più né di meno. Lei si passa il tovagliolo sulle labbra per togliere una briciola. Si alzano, lui le cede il passo, escono. Fuori fa fresco, ma c’è un po’ di sole.