< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • August 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/08/2008

    Tutto bene (together we stand, divided we fall)

    Filed under: — JE6 @ 09:13

    Ti chiedo come va, e hai la voce allegra, ridi e rispondi tutto bene. Lo facciamo tutti, in questo periodo. L’ho fatto anch’io con te. Ritorniamo, abbronzati, con i racconti di ho fatto questo e ho visto quell’altro, e diciamo tutto bene. Ma non è vero, e anche questo lo sappiamo tutti. Magari andava meglio prima, siamo stati d’incanto e adesso la sola idea che arrivi lunedì ci mette la morte nel cuore. Magari abbiamo fatto questo e visto quell’altro ma è stato tutto un inferno lo stesso. Tutto bene un cazzo. Abbiamo bisogno di qualcuno a cui dirlo senza vergognarci, senza sentirci inferiori o invidiosi. Sarebbe già qualcosa, “come sputare via il veleno”. Ti chiedo come va e mi piacerebbe che tu mi dicessi la verità; se vuoi, ci sono. Vorrei che ci fossi anche tu.

    8 Responses to “Tutto bene (together we stand, divided we fall)”

    1. pm10 Says:

      Sir la malinconia da ritorno le rende la prosa diretta e toccante. Mi piace molto.

    2. john Says:

      Ad esempio io sono stato tutta la settimana di ferie da mia madre che è in una casa di riposo e sta morendo di sclerosi laterale amiotrofica.

    3. Gaspar Says:

      Mio padre rispondeva sempre: “Bene! …o vuoi che ti racconti?”

    4. laflauta Says:

      io sto di merda, ma te lo di dico sempre. non puoi lamentarti.
      etciùùùùù…….

    5. Bucky B Katt Says:

      Mmm… dunque, io non sono riuscito a staccare che per un giorno…
      lavoro a 700 km da casa per far ripartire con difficoltà un’attività penalizzata da un socio che si è rubato circa un milione di euro mentre ero in ospedale tra la vita e la morte…
      ah dimenticavo: ho 42 anni…

    6. caporale Says:

      dopo qualche giorno delle programmate vacanze al mare, ho capito che il destino chiedeva una ben più trendy staycation.

      qualche dettaglio in più qui:
      http://caporalereyes.splinder.com/post/17709665/Facciamoci+una+staycation%2A

    7. giulia Says:

      Rientro nel mio mondo, nel mio guscio: magari non ho voglia di riaprire ricordi che mi farebbero soffrire, mi affaccio al mondo e sorrido, anche se so che alle mie spalle si aprono gl’inferi. O magari no.
      In ogni caso, volendo sputare via il veleno, so dove andare: un abbraccio senza parole, in cui sarei capace di dire “tutto bene” tra le lacrime e nel silenzio capire che non riesco ad ingannare nemmeno me stessa.
      ‘notte

    8. mf Says:

      Comincio a vedere le “vacanze” come il Natale, qualcosa che devi prendere per un avvenimento miracoloso a tutti i costi.
      Tanto si sa, al rientro siamo tutti più sfigati, come il 7 gennaio.
      Saluti, mf

    Leave a Reply