< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • August 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/08/2008

    Ho visto le migliori menti della mia generazione aderire a un social network

    Filed under: — JE6 @ 19:20

    Ultimamente ho giochicchiato spesso con Facebook. Senza un particolare motivo, dato che mi ero quasi dimenticato di avere l’account. Senza un particolare motivo, immagino che lo ridimenticherò in breve tempo. Intanto, però, mi sono dedicato ad un piccolo esperimento personale, provando a darci sotto nell’incrementare il più possibile la dimensione della rete dei miei “Friends”. Ho mandato in giro un po’ di richieste, sapete quelle cose, in effetti anche un po’ tristi, con le quali si pietisce un segno di attenzione. Ora, una cosa particolare di FB è che la grande maggioranza degli iscritti si presenta con il suo nome e cognome, a differenza di quanto fa con il blog o con altri social network come Twitter, dove usa un nickname più o meno fantasioso; io sono sicuro, strasicuro, arcisicuro che un discreto numero di coloro che hanno ricevuto il mio invito mi conoscono solo con il mio nick: ciò nonostante, solo in due, prima di farmi comunque l’onore di aggiungermi alla loro lista, mi hanno risposto chiedendomi gentilmente “scusa, ma tu chi sei? Che, occhio e croce, mi pare che ci conosciamo: ma ‘sto nome non mi dice proprio nulla”. Tutti gli altri: friends. Capito? Siamo friends, amici – nemmeno semplici conoscenti come quel genio di Bonvi scriveva nelle strip delle Sturmtruppen: no, proprio amici. Non sappiamo nemmeno come cazzo ci chiamiamo, ma siamo amici.

    [Il titolo l’ho preso da un update su FB del buon Ludik: qui, oltre che tutto un magna magna, è tutta una citazione]

    9 Responses to “Ho visto le migliori menti della mia generazione aderire a un social network”

    1. Giulia Says:

      Erm, io l’avevo capito.
      Comunque ho scritto un post sullo stesso argomento proprio oggi 🙂

    2. Abi Says:

      Siamo rimasti (affezionati) al concetto di “amico 1.0”.

    3. ste Says:

      Citazione del mio blog preferito tedesco:

      Cortile di scuola, 2009:
      “Vuoi essere il mio amico?”
      “Dove mi devo registrare?”

    4. ludik Says:

      Il problema è che, come mi pare dice anche Giulia nel suo post, già nella vita reale a molti (me compreso) capita di avere scarsa memoria e non ricordare persone e far finta di salutare nell’attesa che arrivi il segnale salvifico del riconoscimento. Figuriamoci tutto ciò di fronte a una scheda di facebook e simili.

      p.s. cmq a lei squonk la riconoscerei tra mille, grazie per la citazione 😉

    5. Mitì Says:

      E’ il 2.0, bellezza.

    6. laflauta Says:

      ma che m’ha fatto fare adesso. diamine.

    7. Massimiliano Cuccia Says:

      io mi son sempre presentato con nome e cognome, al limite una contrazione degli stessi … forse ho poca fantasia, ma mi sono sempre trovato bene così … magari sono 3.0? 🙂

    8. giulia Says:

      anche se nn ho capito molto,è il 2,0 di bellezza.

    9. Enrico P. Says:

      Ho perso, molto tempo fa, la fiducia nella realtà e nell’amicizia vera e mi sono buttato in rete per distrarmi un pò. Li ho trovato quella che poi è diventata mia moglie, una donna straordinaria sotto tutti gli aspetti. Realtà? Fantasia? Virtual? Amicizia? Amore? Tutti concetti che fino a qualche tempo fa erano molto chiari, ora non sai più nulla e le certezze si contano sulle dita di una mano. Forse è più bello così, nulla di scontato.

    Leave a Reply