< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • October 2008
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/10/2008

    Però vuoi mettere, uscir fuori e trovarsi di fronte il Canal Grande

    Filed under: — JE6 @ 16:25

    Domani mi faccio 6.043 miglia – o 9.725 chilometri, fate un po’ voi – per andare a cena con un amico-blogger e guardare il Canal Grande (e la Tour Eiffel).
    Giusec

    Una mattina come un’altra

    Filed under: — JE6 @ 08:37

    Aprire gli occhi quando il primo numero sulla sveglia è ancora un 4.
    Alzarsi e muoversi nel buio, arrivare al divano, accendere la tv, portare il volume a zero, vedere che Philadelphia è 5-0 con Milwaukee.
    Chiudere gli occhi. Riaprirli. Far passare un’ora.
    Decidere che oggi si resta a casa un’ora in più.
    Tornare a letto.
    Sentire una stanchezza infinita.
    Pensare ai bagagli da fare, all’offerta da mandare, ai piani della prossima settimana da stendere, all’amico da incontrare dall’altra parte del mondo.
    Girarsi sull’altro fianco, pensare alla mail più difficile dell’anno, che adesso resta salvata nei Draft e aspetta solo di essere spedita. Decidere di attendere un giorno ancora, chiedersi che effetto sortirà, e imporsi di non pensarci, non per il prossimo quarto d’ora.
    Sentire i rumori del palazzo che si sveglia, la corsa dell’ascensore, la porta dei vicini, il caffè che sale nella moka.
    Stendersi sulla schiena, avvertire i muscoli rattrappiti, stirare le gambe, sentire chiaramente l’età del proprio corpo.
    Sentire una stanchezza infinita.
    Non riuscire ad aspettare un’ora.
    Alzarsi, fare la doccia, farla un po’ più calda del solito.
    Aprire la lavatrice, stendere il bucato, andare a svegliare la bambina, sentirsi chiedere “come mai sei qui”. Guardarla in faccia nella penombra e trovarla bella in modo doloroso. Chinarsi, baciarla sulla guancia, farsi baciare, sentire che non c’è nessuno al mondo che ti ama in quel modo, e provare ancora dolore.
    Fare colazione, evitare le notizie in tv, cambiare idea sulle scarpe, controllare chiavi, soldi e telefono.
    Salutare.
    Avvicinarsi alla porta. Andare avanti: non a dispetto degli altri, ma di se stessi.