< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • October 2008
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/10/2008

    Quando si dice che non è destino

    Filed under: — JE6 @ 10:04

    Nel 1968 avevo due anni, ed ero troppo piccolo per la politica e le manifestazioni e le barricate (peraltro, la famiglia era degnamente rappresentata dal mi’ babbo, carabiniere, che si passava le sue 14-16-18 ore al giorno su un camion a fare servizio di ordine pubblico).
    Nel 1977 avevo undici anni, ed ero ancora piccolo per la politica, le manifestazioni, le barricate e le P38. Avrei avuto i miei primi incontri con rossi e neri circa tre anni dopo, quando l’intero istituto omnicomprensivo nel quale studiavo si trovò ad assistere, ogni mattina da Dio mandata in terra, alle sprangate reciproche scambiate nel piazzale della fermata della metropolitana di Lampugnano.
    Oggi ho quarantadue anni e sarei abbastanza grande almeno per un corteo. Ma ho abbastanza beghe mie (il privato non è – non sempre – pubblico e politico) per non avere nè tempo nè voglia di seguire l’Onda. Fra cinque anni mi guarderò indietro e mi darò dell’idiota, o almeno lo spero.

    8 Responses to “Quando si dice che non è destino”

    1. mf Says:

      Ieri ho invidiato la nipote 18enne, che tornata dalla manifestazione romana esultava e gioiva e cantava “Bella ciao”! Io ho già iniziato a farlo, Squò (a darmi dell’idiota)

    2. Camillo Says:

      … e se provassimo a darci delle arie? Il ’77? No, mi spiace… avevo preso un anno sabbatico!

    3. laflauta Says:

      sul ponte della libertà gli studenti gridavano “marjuana libera!”
      ecco
      preferisco stare a casa (non vorrei confondermi troppo le idee)

    4. papi Says:

      Mia nonna diceva che ul destin bisogna fal destinà. Ma, nato nel 1944, nel 1968 stavo per diplomarmi in architettura a Zurigo. Avevo partecipato a una sola manifestazione nel 1967 dopo l’assasinio di Ernesto Guevara. Nel gennaio 1977 è nata mia figlia e avevo appena finito di ristrutturare il mio Roccolo. Mi dispiace. Sono un nessuno.
      Ma i giovani che manifestano oggi hanno ragione, cribbio. Tutti a discutere se erano duemilioni e mezzo o se erano duecentomila (questo intendo quando dico che i media depistano). Erano tanti, erano proprio tanti e potremmo parlare delle loro ragioni e non di numeri.
      Perché figli di ministri, di industriali di giornalisti vanno a studiare all’estero? Perché i giovani italiani non hanno diritto a una scuola decente? Se ne parla da anni? Ma è migliorata?

    5. Camillo Says:

      …apuunto! Se ne parla da anni… ed è migliorata? No.

    6. Temporalia Says:

      Io nel ’68 ero una ragazzina, ma vedevo mia sorella con il lenzuolone dell’Espresso, i capelli cotonati e i piedi nudi lungo la strada. Qualcosa, forse, mi si era appiccicata addosso. Il ’68 era passato ma motivi per contestare ce n’erano ancora e li feci miei. Poi, prima del ’77, scoppiarono le donne e i radicali.E ci furono nuovi motivi per arrabbiarsi e manifestare, anche discretamente.Poi, un lungo, faticoso e silenzioso apprendistato per l’adultità. Ma l’abitudine ad essere contro non si cancella facilmente e in Italia è facile, per chi vuole, trovare sempre nuove ragioni per alzare un cartello di protesta.

    7. john Says:

      A volte forse la cosa milgiore è stare a guardare, forse.

    8. Sir Squonk Says:

      Io non so cosa sia la cosa migliore. Volevo dire che in certe cose ci si trova dentro – o che da certe cose ci si trova fuori – per motivi del tutto indipendenti dal merito. Nel mio caso, si vede – appunto – che non è destino.

    Leave a Reply