< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • May 2005
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/05/2005

    Castelli di smemoria

    Filed under: — JE6 @ 12:53

    Il BlogRodeo riprende le trasmissioni. Orsù, dunque, che avete tempo fino all’ora del the.

    Piccolo borghese

    Filed under: — JE6 @ 10:13

    Quattro chiacchiere con amici, ieri sera.
    Parlando di un comune conoscente, viene fuori l’espressione “piccolo borghese”, usata in senso critico – e sia chiaro che si tratta di un eufemismo.
    Rimango in silenzio, sia perchè ho un’altra opinione – meno critica, appunto – nei confronti di questa persona, sia perchè provo un certo disorientamento rispetto alle parole.
    Dove sta il problema? mi chiedo. Nell’essere borghese? Senza addentrarmi in dissertazioni sociologiche, penso che in fondo siamo tutti borghesi, oggi. Oddio, tutti no: ma molti sì. C’è qualcosa di male nell’essere borghese, nel far parte di quel ceto medio che è l’ossatura di tutte le società occidentali? A me non pare, ma forse mi sbaglio.
    Oppure il problema sta nel primo aggettivo, quel “piccolo” al quale mi sembra venga dato il significato di “meschino, vile, egoista, pauroso”? Forse; personalmente, mi parrebbe anche più sensato, se non fosse che – se quello è il senso che si vuole davvero dare al termine – il suo accostamento con l’aggettivo (o sostantivo, in questo caso?) “borghese” mette in piedi una generalizzazione che è capace di descrivere il nostro mondo tanto quanto i famosi stili di vita Eurisko: poco.
    Insomma, continuo a rimanermene in silenzio. Sarà che, senza considerarmi meschino e vile, mi sento piccolo borghese anch’io.