< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • May 2005
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/05/2005

    I bambini patinati

    Filed under: — JE6 @ 21:52

    Reduce da un terrificante periodo di feste di compleanno di quattrenni e comunioni di novenni, rimango con un paio di chili in più (oltre a quelli già di troppo) e la chiara immagine che sono scomparsi i bambini brutti.
    Avrete visto anche voi qualche foto degli anni Trenta o Quaranta. E se erano foto di famiglie operaie o contadine, erano foto di gente brutta, almeno secondo i nostri canoni odierni. E i bambini non facevano eccezione: occhi spiritati a palla, guance emaciate, gambe storte.
    Prendete i minorenni di oggi, invece. Sono tutti belli. Chi più, chi meno, ma sono tutti belli: capelli curati, pelle liscia, denti bianchi. Tutti.
    Mi consola il fatto che, se li si osserva di nascosto, si scoprono le gioie e gli smarrimenti e le sorprese e le paure che devono avere personcine di quattro o di sette anni: il momento in cui l’abito farà del tutto il monaco, per loro, non è ancora arrivato.