< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • May 2005
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/05/2005

    Un futuro assicurato

    Filed under: — JE6 @ 09:44

    Vivendo a Milano, non ho modo di giudicare l’operato di Walter Veltroni come sindaco di Roma. I miei insider preferiscono Francesco Cicoria Rutelli, pur riconoscendo a Uolter una grande attenzione alle questioni culturali ed un innegabile talento di organizzatore di eventi. Sarà per questo che ieri ha fatto una pregevole figura come spalla di Fiorello e Baldini a Viva Radio 2.

    Sul serio: bravo, sciolto, simpatico, con la battuta pronta. Doti non fondamentali, forse, per fare il sindaco, ma preziose per garantirsi un futuro come entertainer. Cercavo di immaginarmi Albertini, al suo posto. Vabbeh.

    Update. Tanto per restare in tema, Edmondo Berselli oggi su Repubblica (via Attentialcane): Bisogna introdurre nella razionalità del messaggio politico una scintilla di creatività capace di accendere anche l’emotività pubblica.
    Sotto questa luce, Veltroni non ha rivali, perché è un interprete straordinario della politica post-materialista, basata sulle passioni e le tendenze più che sugli interessi. La sua propensione a innamorarsi di missioni antropologicamente impegnative e il suo essersi defilato in Campidoglio (un “gran rifiuto”?) gli avranno attirato le ermetiche ironie di Francesco De Gregori (“Chiudi la porta e vai in Africa, Celestino”), ma la sua popolarità capitolina sembra in grado di trasmettersi anche a tutto un paese che sente ancora il bisogno di mobilitazioni psicologiche e di utopie.
    Mentre per il torinese Fassino la politica è ancora un riflesso quasi automaticamente “fordista”, un ritrovarsi nelle fabbriche e fra compagni, e il suo cattolicesimo (“la fede dei padri mai perduta”) contiene un’ombrosità giansenista, per Veltroni la politica è un illuminarsi di notti bianche, in una Roma illuminata dai fari dei concerti, e il credo personale è l’adesione per sentimento a figure interpretate in chiave progressista, da Martin Luther king a don Milani.

    11 Responses to “Un futuro assicurato”

    1. Effe Says:

      se sa ballare anche il tip tap, l’anno prossimo gli affidano i Pacchi di Bonolis

    2. Achille Says:

      No, un momento. Non ho mai detto di preferire “pane e cicoria” rutelli a Uolter. Il giudizio era più complesso. Mo non me lo ricordo ma sicuramente era più complesso.

    3. severine Says:

      Non era male neanche Isabella Ferrari.
      (stavo rientrando a casa e sono dovuta rimanere mezzora chiusa in macchina nel box al buio pur di finire di ascoltarli)

    4. Squonk Says:

      Ack, ho fatto una sintesi rispettosa del suo pensiero, mi creda. Capisco che adesso dire di preferire “Er cicoria” a chicchessia, e per un qualsivoglia motivo, sia fonte di imbarazzo, ma sappia che si è comprensivi, da queste parti.

    5. miic Says:

      uolter a braccio è semplicemente imbattibile. dovresti sentirlo quando interviene ai funerali. giuro che è un complimento.

    6. Squonk Says:

      “Vivere e morire a Roma”. Quasi spiace star qui all’ombra della Madunina.

    7. Jaisalmer Says:

      “Sul serio: bravo, sciolto, simpatico, con la battuta pronta. Doti non fondamentali, forse, per fare il sindaco, ma preziose per garantirsi un futuro come entertainer”

      Cioe’ un futuro da PresDelCon. Qui si appoggia caldamente una simile ipotesi.

    8. isntitapity Says:

      E tutto questo nonostante Baldini?!

    9. Carlo Says:

      Confermo. Rutelli almeno ha fatto qualcosa per la città (qualcosa di pratico). Veltroni pensa molto al jazz (bene) e molto meno al traffico, alla pulizia delle strade, ai crepacci nell’asfalto che fanno schiantare i motorini, al verde pubblico. Insomma negli ultimi anni Roma è ridotta un vero cesso, sporca e trafficata come non mai. Io mi sono quasi pentito di averlo votato.

    10. Antonio Says:

      Maddai De Gregori non si riferiva mica a lui

    11. cheo Says:

      Io ho letto “Canti del caos”, mi ha parecchio colpito, ma non posso dirti se sia un bel libro, è parecchio “oltre”…

    Leave a Reply