< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • May 2005
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/05/2005

    Vittima del pensiero debole?

    Filed under: — JE6 @ 12:38

    Ammetto, non ho mai letto nulla di Antonio Moresco (e non mi sento in colpa; non ho ancora letto i classici russi, per dire). Quindi, non posso dire se sia un signore immodesto, superbo e affetto da manie di grandezza, oppure semplicemente una persona che si prende sufficientemente e giustamente abbastanza sul serio da considerare davvero importante il suo ruolo nella società. So solo che io, di fronte ad una frase come “L’idea iniziale, perseguita da me e da altri in totale buona fede, che ci potesse essere, qui ed ora, in questi anni, almeno in una parte di scrittori, intellettuali e artisti italiani una naturale predisposizione al riscatto e alla presa di coscienza della propria responsabilità nei confronti di se stessi e del mondo e della propria forza (…)” mi fermo e mi dico “Beh, cazzo, addirittura la propria forza, nientemeno”.
    Ma poi, chissà, forse ha ragione lui ed io sono uno che, a furia di pensieri deboli e poco stupendi, ha perso la capacità di sognare e di sperare che un mondo migliore sia possibile.
    Nazione Indiana

    4 Responses to “Vittima del pensiero debole?”

    1. Blob of the Blogs » Sdrammatizzando: Melissa P. alla catena. Says:

      […] mente abbastanza sul serio da considerare davvero importante il suo ruolo nella società. (Squonk) Qualcuno me le impara da capo? (Copiaescolla) No, per fortuna le domande son pochine e al […]

    2. spiritum Says:

      E’ una pubblicità indiretta al terzo episodio di Guerre Stellari: che la forza sia con voi!
      P.S. ‘acco quanto scrive, in ‘sti periodi: ha mica qualcosa che le avanza da passarmi?

    3. Squonk Says:

      Socio, quantità e qualità mica vanno sempre d’accordo, anzi.

    4. dado Says:

      se vogliamo dare una lettura sociologica è proprio così lo scrittore abituato a plasmare nelle sue pagine il mondo vorrebbe farlo anche nella realtà (cosa ben più ostica); cmq se tutti gli scrittori fossero come moresco (fermo restando i diversi stili e argomenti) la letteratura italiana verserebbe in altre e migliori condizioni e gli scrittori pure.
      voi (lo so generalizzazione) invece navigate nel mare dato perchè il sistema è troppo troppo oliato… [la corporation non perdona]

    Leave a Reply