< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Sulla mappa
  • Nulla da vedere
  • Inevitabilmente
  • La pace sembrava eterna
  • After all these years
  • A., che deve salire su un aereo
  • Debito di ossigeno
  • Killing fields
  • On this day
  • Nuvole
  • March 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    21/03/2011

    La bandiera

    Filed under: — JE6 @ 11:02

    Da quando ho cambiato lavoro attraverso Piazza Duomo ogni giorno. Da sinistra a destra la mattina, da destra a sinistra la sera. Alzo la testa e per quel minuto che ci vuole per andare dalla metropolitana al capolinea del tram lo guardo, perché funziona così, è talmente grande e maestoso e bello che ogni volta ci trovi qualcosa che non sapevi. Oggi ero fuori orario, c’era il sole alto e la velocità era più bassa – sai che noi diciamo ora di punta e loro invece rush hour, quando corri, quando devi correre – e in piazza non c’era la gente che andava a lavorare, c’erano i turisti che si facevano le foto e i bambini spaventati dai piccioni, ho attraversato tutta la piazza e mi sono messo in un angolo in ombra, mi son preso quei venti secondi che fanno la differenza tra un tram acchiappato al volo e dieci minuti di attesa alla fermata, c’era solo il rumore di sottofondo delle città, della città, poi là in alto ho visto che c’era una bandiera che sventolava, il tricolore attaccato a quella specie di lancia che sta vicino alla mano destra della Madonnina, prima ho pensato beh ma dai, ma cazzo, ma c’era proprio bisogno, poi son salito sul tram che ormai era pronto a partire e lì, mentre andavo verso la Crocetta e guardavo la gente che lavava le vetrine e comprava il giornale mi son detto ma sai che han fatto bene, che quello dicono che sia il nostro simbolo, che tutti i milanesi sono rappresentati dalla Madonnina – e la religione non c’entra nulla – e allora se è così allora va bene che lassù ci sia quella bandiera, forse dovrebbe starci ancora un po’.

    One Response to “La bandiera”

    1. Di Madonne e di unità d’Italia | Bread Butter 'n' Rock&Roll Says:

      […] citato in apertura è un po’ vecchio, leggetelo prima di continuare, non è lungo. Era da un po’ che volevo scrivere qualcosa, una sorta di commento. Solo che […]

    Leave a Reply